Cerca
Menu Menu

L'UE vieta la vendita di prodotti legati alla deforestazione

In una mossa che impedisce un'ulteriore devastazione delle foreste in tutto il mondo, l'Unione Europea ha deciso di vietare legalmente la vendita di prodotti che alimentano la deforestazione.

Sebbene il numero di persone che acquistano prodotti ecologici sia in aumento, molti marchi famosi hanno continuato a introdurre ingredienti dannosi per l'ambiente nelle loro formule senza che ce ne accorgessimo.

Ad esempio, alimenti comuni come burro di arachidi, barrette di cereali e biscotti spesso contengono olio di palma. Finora, circa 27 milioni di ettari di foreste sono stati disboscati per fare spazio sul terreno fertile per piantare gli alberi che forniscono questo olio.

Sforzandosi di raggiungere gli obiettivi verdi del 2030 fissati alla riunione della COP dello scorso anno, l'UE ha accettato di vietare la vendita di prodotti legati alla deforestazione rapida e insostenibile.

I prodotti tra cui olio di palma, caffè, legname, cacao, gomma e soia dovranno essere sottoposti a un rigoroso processo di certificazione prima di essere approvati.

I prodotti importati come cioccolato, mobili e carne bovina saranno rifiutati se fanno uso di ingredienti o materiali di scarsa provenienza.

Ormai sappiamo tutti che ogni piccolo cambiamento positivo che apportiamo nella nostra vita contribuisce a un impatto maggiore.

L'eurodeputato Pascal Canfin lo ha ribadito dicendo che la differenza la fanno 'il caffè che mangiamo a colazione, la cioccolata che mangiamo, il carbone nei nostri barbecue, la carta nei nostri libri'.

Ha inoltre assicurato ai consumatori europei che il prezzo degli articoli non sarà modificato a seguito della nuova legge.

I maggiori cambiamenti saranno avvertiti dalle aziende, che dovranno valutare a fondo le filiere e dichiarare l'origine dei prodotti venduti. Il divieto richiede che tutti gli articoli provenienti da terreni agricoli disboscati legalmente o illegalmente dopo il 2020 siano vietati.

Oltre a proteggere la biodiversità, la legge richiede anche alle aziende di garantire che i prodotti che importano non causino danni alle comunità locali o ai diritti umani. Un ottimo inizio, anche se vale la pena ricordare che molte popolazioni indigene sostengono che le leggi sui diritti umani non proteggono sufficientemente le loro comunità.

L'UE ha dichiarato che la nuova legislazione salverà 100,000 campi da calcio nella silvicoltura e potrebbe ridurre le emissioni di carbonio di circa 32 milioni di tonnellate all'anno. Greenpeace ha definito l'accordo provvisorio un "importante passo avanti per le foreste".

La legge entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua accettazione formale, che dovrebbe avvenire all'inizio del prossimo anno. I commercianti avranno 18 mesi per conformarsi, mentre le aziende più piccole avranno 2 anni per adeguare le loro gamme di prodotti.

Qualsiasi azienda che si rifiuti di conformarsi dovrà affrontare multe fino al 4% del fatturato annuo dell'UE.

Questa è una notizia straordinaria per l'ambiente, nonché un forte indicatore del fatto che i leader mondiali stanno mantenendo la loro promessa di porre fine alla deforestazione entro il 2030, ma le relazioni commerciali internazionali subiranno sicuramente un duro colpo.

L'ambasciatore del Canada ha detto all'UE che le loro relazioni commerciali saranno infrante dalla legge, almeno per un periodo di tempo. Ma fare i passi necessari per preservare la biodiversità non avrebbe mai giovato a tutti in una volta, ecco perché impiegano così tanto tempo per approvare.

Con il tempo, gli accordi commerciali e le pratiche forestali possono essere modificati e migliorati per soddisfare le leggi commerciali. La cosa più importante è fermare il maltrattamento del mondo naturale, che è esattamente ciò che l'UE ha realizzato qui.

Che ne dici di una buona notizia venerdì?

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità