Cerca
Menu Menu

L'Uganda chiude le scuole in anticipo a causa dell'ondata di Ebola tra i bambini

L'Uganda sta combattendo la sua ottava epidemia di Ebola, causata dal Sudan ebolavirus. Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, sono stati registrati più di 65 decessi, tra cui più di otto bambini in età scolare.

Quest'anno l'Uganda ha dovuto affrontare catastrofi sia ambientali che sanitarie, mettendo in pericolo migliaia di vite.

Sei distretti ugandesi hanno casi di Ebola, compresa la capitale, Kampala. La scorsa settimana, tutte le scuole primarie e secondarie dell'Uganda sono state chiuse a causa di oltre 23 casi confermati di Ebola tra gli alunni con otto decessi successivi.

Due settimane fa, il ministro dell'Istruzione del paese Janet Museveni ha annunciato che "la chiusura anticipata delle scuole ridurrà le aree di concentrazione in cui i bambini sono quotidianamente a stretto contatto con compagni, insegnanti e altro personale che potrebbe potenzialmente diffondere il virus".

Prima dell'annuncio, molti genitori temevano per la diffusione del virus, costringendo molti alunni ad abbandonare la scuola e scegliere di restare a casa. Secondo il Ministero dell'Istruzione del paese, la bassa affluenza alle scuole dei distretti di Wakiso e Mubende rappresentava una minaccia per la salute poiché erano l'epicentro del virus.

Il ceppo, noto come Sudan ebolavirus, non è curabile.

Sono attualmente in corso studi clinici presso le principali aziende farmaceutiche e biotecnologiche per sviluppare un vaccino. Con gli effetti negativi della pandemia di Covid-19 che si fanno ancora sentire, la nuova minaccia continua a indebolire gli sforzi di ripresa economica dell'Uganda.

Il mese scorso, in una misura per frenare la diffusione del virus, il governo ha imposto blocchi nei distretti di Mubende e Kassanda, nell'Uganda centrale, l'epicentro dell'epidemia.

Ciò è avvenuto attraverso l'attuazione di un coprifuoco notturno, la chiusura di luoghi di intrattenimento, centri di culto e la limitazione dei movimenti in entrata e in uscita dai due distretti per un periodo di 21 giorni.

Il Ministero della Salute del Paese ha istituito un'ulteriore sesta struttura di trattamento in un campo sportivo per contenere i contagiati in un'area appartata. Ciò avviene dopo che sei operatori sanitari sono morti a causa del virus in diverse parti del paese. La popolazione a rischio è quella delle comunità rurali che non è in grado di accedere tempestivamente ai servizi medici.

Le comunità rurali dell'Uganda centrale continuano a vivere nella paura nonostante l'assicurazione del governo di fornire servizi medici rapidi.

Miti e idee sbagliate legati alla cultura e alla religione continuano a frenare i progressi nel contenimento dell'epidemia di Ebola.

Nonostante le scuole nel distretto di Mubende siano rimaste aperte, la maggior parte degli alunni ha scelto di non andare a scuola per paura della diffusione del virus e i sintomi dell'Ebola che imitano la malaria si sono rivelati difficili da rintracciare.

L'interazione quotidiana tra insegnanti e alunni rimane una lotta poiché alcuni insegnanti hanno scelto di non andare a scuola a causa del virus.

Ciò continua a svantaggiare alcuni studenti nella preparazione degli esami e nel completamento del programma. Con la natura dell'Ebola che si diffonde attraverso il contatto con fluidi corporei di una persona infetta o materiali contaminati, i bambini in età scolare rimangono i più a rischio di contrarre il virus.

Speriamo che altre soluzioni mediche raggiungano presto il paese per frenare la diffusione.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità