Menu Menu

Il ciclo del sale sulla Terra sta rapidamente diventando un problema serio

Secondo quanto riferito, l’eccessiva produzione di sale da parte dell’umanità sta sconvolgendo l’equilibrio naturale della Terra. Si tratta dell’ennesima “minaccia esistenziale” causata dal consumismo moderno?

Se qualcosa è “sale della Terra”, è buono e onesto – ironicamente l'opposto dell'umanità quando si parla del nostro impatto ecologico sul pianeta.

Il cambiamento climatico antropogenico è senza dubbio il nostro capolavoro, ma c’è una questione raramente discussa che si sta rapidamente trasformando in un’altra minaccia esistenziale, secondo nuova ricerca.

Se la mossa iniziale non lo ha rivelato, sì, stiamo parlando del nostro uso eccessivo di sale – in particolare, delle 300 tonnellate prodotte ogni anno per i nostri prodotti per la casa, cosmetici, fertilizzanti e materiali industriali, tra le altre cose.

Mentre il sale emerge naturalmente dalle profonde rocce oceaniche e raggiunge gradualmente la superficie terrestre, le attività umane stanno completamente ribaltando questo equilibrio. La nostra crescente domanda sta portando a un rilascio eccessivo del minerale nella nostra atmosfera, nel suolo e negli oceani.

Il sale è vitale per la biologia umana, soprattutto per mantenere la nostra segnalazione nervosa e tenere sotto controllo il battito cardiaco, oltre ad aiutare il suolo a mantenere la sua normale struttura.

Ciononostante, è stato riscontrato che un ampio surplus ha effetti dannosi come l’infertilità del suolo, diminuisce la vita vegetale, l’interruzione delle catene alimentari marine e un aperto invito a specie vegetali invasive come le fragmiti, che possono invadere completamente le regioni costiere.

I rapporti indicano che circa 833 ettari di territorio, un’area circa quattro volte più grande dell’India, sono già colpiti da un’eccessiva concentrazione di sale. In Uzbekistan si ritiene che circa la metà dei terreni agricoli siano sterili per questo motivo.

Non è un segreto che ravvivare i nostri pasti con troppo sale da cucina sia una mossa malsana, ma non ci rendiamo conto di quanto le acque sotterranee eccessivamente salate, piene di altri sali a base di calcio e magnesio, stiano danneggiando tutti noi.

"È come un cocktail chimico di sali diversi provenienti da fonti diverse", afferma il leader dello studio Sujay Kaushal. "Non ne conosciamo gli effetti [sulla salute generale]. Non sappiamo cosa farà la miscela di ioni di sale.'

Anche se la cosiddetta “salinizzazione” è meno studiata rispetto ad altri fenomeni ecologici, è probabile che sia in aumento da decenni. Avendo dedicato la sua carriera professionale all’avanzamento della teoria e alla sensibilizzazione, Kaushal avverte che molto presto potremmo trovarci di fronte a una crisi permanente.

Sfortunatamente, è probabile che il mercato globale del sale si espanda fino al 43% entro il 2030 e gli Stati Uniti utilizzano circa 20 tonnellate di sale all’anno solo per sbrinare le strade.

Si spera che questo studio possa aprire gli occhi nello stesso modo in cui la ricerca sulle piogge acide ha avviato politiche per iniziare ad affrontare l’inquinamento atmosferico. "Ci auguriamo che le persone riconoscano il sale come agente del cambiamento globale", afferma Kaushal.

Accessibilità