Menu Menu

Gli scandali della Boeing dimostrano perché i monopoli industriali sono problematici

Nonostante una serie di controversie, pericolosi incidenti in volo e due incidenti aerei mortali causati da un software difettoso, è improbabile che la stretta di Boeing sull’industria aeronautica venga abbandonata.

Nel gennaio di quest'anno, la porta di un aereo Boeing è esplosa durante il volo ed è atterrata nel giardino di un insegnante di una scuola superiore nell'Oregon, negli Stati Uniti.

Sebbene nessuno a bordo (o a terra) sia rimasto ferito, l’incidente ha terrorizzato i passeggeri e preoccupato i frequent flyer, mettendo in definitiva in discussione la qualità e la sicurezza delle flotte Boeing.

L'incidente è stato attribuito a parti allentate dei tappi delle porte che dovrebbero, beh, tenere le porte attaccate all'aereo durante il volo.

La Federal Aviation Administration (FAA) ha rapidamente ordinato a tutti gli aerei Boeing 737 Max 9 di interrompere le operazioni, potendo rimanere in servizio solo una volta completati i processi di "ispezione e manutenzione approfonditi".

Il "tappo" della porta di un Boeing è stato trovato in un cortile dopo uno scoppio a mezz'aria. Ecco cosa sappiamo - ABC News

Nei giorni successivi all'incidente, Alaska Airlines e United Airlines hanno condotto ispezioni sui loro aerei 737 Max 9 ed entrambe hanno riferito di aver trovato parti allentate dei tappi delle porte sui loro aerei a terra.

Anche se oggi ci sono aerei Max accuratamente controllati che decollano in cielo, alla Boeing è stato vietato di accelerare la produzione di questa versione dei suoi aerei, almeno per il momento.

I clienti naturalmente stanno andando fuori di testa, e alcuni ora controllano con quale modello di aereo voleranno prima di prenotare. L’opinione pubblica ora ha gli occhi puntati su Boeing, i cui funzionari puntano il dito contro i propri lavoratori per questi problemi.

Ma diversi informatori – tutti attuali o ex dipendenti della Boeing – hanno accusato l’azienda di creare una cultura in cui sollevare preoccupazioni sulla sicurezza e sulla qualità era scoraggiato, se non impossibile.

Qualcuno ha le stesse vibrazioni di quel meme di Spider-Man?

Sto solo scherzando, perché onestamente la cosa è seria. Ad esempio, la differenza tra un viaggio fatale o un viaggio aereo senza incidenti è seria.

Negli ultimi mesi, Ed Clark, il dirigente della Boeing che ha supervisionato il programma 737 Max, ha lasciato la compagnia. Boeing ha anche creato un nuovo ruolo di vicepresidente senior della qualità, che onestamente sembra un po’ un ripensamento.

La FAA ha quindi condotto a audit di sei settimane di Boeing. Ha scoperto numerosi casi in cui l'azienda non ha rispettato i requisiti di controllo della qualità della produzione, tra cui "controllo del processo di produzione, movimentazione e stoccaggio delle parti e controllo del prodotto".

Questa è una brutta notizia, ma non è esattamente una novità per chiunque abbia prestato attenzione. Numerosi ex dipendenti della Boeing hanno denunciato le pratiche ambigue dell'azienda negli ultimi decenni.

 

Gli informatori della Boeing stanno improvvisamente morendo

Nel 2017, John Barnett, ex responsabile del controllo qualità della Boeing presso lo stabilimento 787 nella Carolina del Sud, aveva cercato di segnalare problemi relativi alla conformità alla sicurezza dell’azienda.

Il 9 marzo, poco dopo che l'attenzione sulla sicurezza del Boeing era aumentata, Barnett fu trovato improvvisamente morto nella sua macchina.

Al momento della sua morte, Barnett stava sostenendo una battaglia legale durata un anno con la Boeing, accusandola di ritorsioni contro di lui per aver sollevato problemi di sicurezza sugli aerei commerciali della compagnia.

La polizia ha avviato un'indagine sulla sua morte. Tuttavia, l'ufficio del coroner sì ha dichiarato che Barnett è morto "per quella che sembra essere una ferita da arma da fuoco autoinflitta".

Altri informatori si sono fatti avanti in passato, criticando la gerarchia della Boeing presentare prove che un fornitore chiave della Boeing utilizzava parti difettose per costruire il predecessore degli aerei 737.

Joshua Dean aveva lavorato per Spirit AeroSystems, un subappaltatore chiave nella produzione degli aerei di linea 737 Max. Era uno dei tanti ex dipendenti che confutavano le affermazioni della Boeing secondo cui metteva sempre al primo posto la sicurezza dei clienti.

È morto in ospedale all'inizio di maggio dopo essersi ammalato improvvisamente.

Una condotta esternamente recensioni della struttura di sicurezza sul lavoro della Boeing ha visto gli esperti concordare sul fatto che esiste una "disconnessione" tra dirigenti e dipendenti che lavorano nelle fabbriche.

Sono stati inoltre rilevati segnali di riluttanza da parte del personale a segnalare problemi all'interno dell'azienda per paura di ritorsioni.

Tutte queste informazioni hanno scatenato numerose cospirazioni online. Molti ipotizzano che Boeing abbia colpito chiunque parli contro i suoi processi.

 

Quanti scandali sta affrontando la Boeing?

La reputazione della Boeing è andata a brandelli per un po’, a seguito di due incidenti mortali e quasi identici dei suoi jet 737 Max 8 nel 2018 e nel 2019. Insieme, gli incidenti sono costati la vita a 346 persone.

È stato un software di controllo di volo difettoso a causare questi incidenti, ma la Boeing è stata accusata di nascondere deliberatamente i dettagli del problema alle autorità di regolamentazione federali.

Nel 2021, la società ha raggiunto un accordo da 2.5 miliardi di dollari con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nonostante si sia dichiarata non colpevole di frode e ha promesso di apportare miglioramenti ai suoi standard di sicurezza.

Quando si è dichiarato non colpevole, ha attribuito gli incidenti a due dipendenti di "livello relativamente basso" per non aver rispettato le istruzioni di produzione e di sicurezza.

Ora che Boeing si trova ad affrontare una nuova serie di polemiche, la società avrà tempo fino al 13 giugno per rispondere alle accuse del governo secondo cui avrebbe violato il suo impegno ad apportare questi miglioramenti.

Boeing è un monopolio?

Boeing ha un enorme monopolio sull’industria aeronautica, nonostante sia tecnicamente etichettato come un “duopolio” a causa della concorrenza a livello globale con il rivale europeo Airbus.

Questo perché Boeing vende i suoi aerei alle compagnie aeree commerciali, che non possono facilmente sostituire l'intera flotta con gli aerei Airbus, soprattutto quando i piloti sono spesso certificati per pilotare l'uno o l'altro di questi aerei.

Le persone guardano anche alla FAA, che è responsabile della supervisione delle operazioni della Boeing, e hanno criticato quelle della società rapporto molto stretto con il governo degli Stati Uniti.

Il governo degli Stati Uniti svolge un ruolo chiave nell'aiutare le vendite della Boeing a livello internazionale ed è un importante datore di lavoro e appaltatore militare.

Tutto considerato, è chiaro che Boeing ha un potere immenso sul settore delle compagnie aeree commerciali. Probabilmente non è sbagliato supporre che molti dei problemi interni ed esterni dell'azienda derivino da questo livello di onnipotenza.

Alla luce dei continui scandali attorno alla Boeing, le persone si sono chieste: perché la Boeing non viene nazionalizzata?

Con Boeing che raccoglie già il 40% delle sue entrate da contratti governativi, sembra che questa non sarebbe una transizione così difficile. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che, sebbene ciò possa essere auspicabile, non è un risultato probabile.

 

I volantini dovrebbero avere paura del Boeing?

La verità è che volare è la cosa più sicura che sia mai stata.

Anche se piccoli incidenti aerei si verificano regolarmente, ora ne sentiamo parlare di più man mano che cresce l'attenzione del pubblico verso Boeing e le sue pratiche.

Kelsey Piper, che scrive per Vox Sezione Futuro Perfetto che mira a "scrivere ciò che è importante, non solo ciò che è nuovo", lo spiega perfettamente.

Piper ha accusato i giornalisti di approfittare degli scandali della Boeing per fare clic. Dice che le pubblicazioni stanno deliberatamente sfornando contenuti allarmistici che non riflettono accuratamente la situazione.

"Oggi tre milioni di persone sono entrate e uscite dagli aeroporti statunitensi e nessuna di loro è morta se non per cause naturali" non è una notizia convenzionale, ma è reale e vale la pena tenerla a mente", scrive Piper.

Considerando questo, Boeing ha ancora molte spiegazioni da fare in tribunale.

Se ci sono problemi con la cultura aziendale sul posto di lavoro, le procedure di controllo della qualità e gli standard di sicurezza, questo sarà (o dovrebbe) essere il punto di svolta per il miglioramento.

Accessibilità