Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Al via la COP27 con Clover Hogan

Abbiamo parlato con il fondatore di Force of Nature, Clover Hogan, di ciò su cui i leader mondiali dovrebbero concentrarsi al vertice di quest'anno e di come noi, come individui, possiamo garantire che le loro conversazioni si traducano in azioni tangibili.

A soli 11 anni, Clover Hogan si è dichiarata ambientalista.

Da allora, ha lavorato instancabilmente con la sua organizzazione Forza della Natura mobilitare il cambiamento consentendo ai giovani di farsi avanti piuttosto che chiudersi di fronte alla crisi climatica.

In un momento così pungente come la COP27 – dopo decenni di promesse fallite e con un futuro sempre più incerto all'orizzonte – crede che dobbiamo incanalare le nostre emozioni in azione e unirci come una comunità in modo che i leader mondiali ascoltino veramente e, si spera , fare le cose.

Ci siamo seduti con Trifoglio ieri per saperne di più.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)


tre: La COP è al suo 27° anno, ma lo sono i leader mondiali ancora non riuscire a trattare l'emergenza climatica come un'emergenza. Quanto consideri efficienti le soluzioni che sono state presentate finora?

Trifoglio: Poiché alcune soluzioni ottengono una quantità sproporzionata di tempo di trasmissione, parliamo molto di alcune delle soluzioni tecnologiche che ci "salveranno" senza necessariamente arrivare al cuore della crisi. Ad esempio, potresti sentire parlare della tecnologia di cattura del carbonio senza alcun riconoscimento del ruolo degli alberi (che sono la migliore tecnologia di cattura del carbonio che abbiamo) o dell'importanza di ripristinare e proteggere la natura. E in modo critico, penso che una cosa che spesso si perde sia il ruolo delle persone. È davvero facile parlare di giustizia ambientale e sociale come due cose separate, ma non possiamo proteggere la natura senza costruire comunità giuste ed eque. Un grande obiettivo al momento è la perdita e il danno. C'è un certo grado di collasso climatico che è già bloccato a causa delle emissioni storiche, il che significa che i paesi, in gran parte nel sud del mondo, sono già bloccati nelle ripercussioni di questo. Quelli, come il Pakistan che quest'anno ha assistito allo sfollamento di milioni di persone a causa di inondazioni catastrofiche, che hanno contribuito meno a questo problema. Sono loro che devono essere sostenuti dai paesi con le risorse e la ricchezza per finanziare una transizione giusta. Alla COP26, il finanziamento è stato promesso, ma non si è ancora concretizzato.

Quest'anno chiediamo di vedere i soldi che sono stati promessi.

tre: Qual è stato il tuo principale risultato dal vertice dell'anno scorso e quali miglioramenti vorresti vedere riflesso quest'anno dopo le numerose catastrofi climatiche a cui abbiamo assistito da allora?

Trifoglio: L'anno scorso abbiamo visto molta rappresentanza della società civile e dei giovani, eppure sentiamo ancora molte di quelle voci in modo simbolico. Come giovane attivista, ti vedi spesso invitato nella stanza ed essere l'unico giovane presente o non effettivamente coinvolto nel processo decisionale. Non basta più dare ai giovani un microfono e nemmeno un posto a tavola. I giovani sono quelli che ereditano questo. Così sono le comunità in prima linea, le comunità indigene che hanno bisogno di essere coinvolte nelle decisioni che alla fine ci riguardano. Sfortunatamente, i leader globali oggi sono sproporzionatamente pallidi, maschi e stantii. Uomini anziani, bianchi, che prendono decisioni di cui potenzialmente non vivranno nemmeno abbastanza a lungo per vederne le conseguenze. Abbiamo bisogno di donne a tavola. Abbiamo bisogno di giovani. Abbiamo bisogno di comunità in prima linea.

tre: Nel contesto degli sforzi precedenti (o della loro mancanza), ritieni gli obiettivi fin qui delineati alla portata o troppo ambiziosi? In base a cosa dovremmo misurare il successo delle discussioni?

Trifoglio: Anche se molti leader mondiali negano, è difficile ignorare l'urgenza di queste soluzioni. La cosa davvero spaventosa in questo momento è che, secondo la maggior parte delle recenti ricerche delle Nazioni Unite che sono emerse, non esiste un percorso praticabile per 1.5 gradi che, come sappiamo, è un punto di svolta per la catastrofe climatica. Vedremo un cambiamento climatico incontrollabile in molte parti del mondo se non riusciamo a limitare le emissioni e questo è terrificante perché anche molti degli impegni globali che sono stati presi finora non ci mettono su quella strada, per non parlare dell'azione. Detto questo, non credo sia efficace appoggiarsi al doomismo e alla disperazione del "è troppo tardi" perché questa è una risposta privilegiata. Ci sono già così tante persone che vivono il cambiamento climatico, sono già sfollate, stanno già perdendo la vita e il proprio sostentamento. Non hanno scelta per dire che è troppo tardi o troppo lontano. Per loro, è fare o morire.

tre: Come possiamo (come attivisti e individui impegnati nella causa) amplificare le voci delle comunità in prima linea, quelle più sproporzionatamente colpite dalla crisi?

Trifoglio: Per prima cosa, inizia con il riconoscimento del tuo privilegio. Sono originario dell'Australia, ora vivo nel Regno Unito. Entrambe queste nazioni hanno la colonizzazione nella loro storia. Questi paesi sono ricchi perché li hanno estratti dal sud del mondo, che ora sta sopportando il peso maggiore della crisi climatica.

In questa nota, è essenziale riconoscere la nostra storia. Il fatto che riconosciamo la crisi climatica è sintomo di un sistema che ha estratto valori da queste comunità. Uno che ha anche mancato di pagare risarcimenti o perdite e danni.

In secondo luogo, dobbiamo assicurarci costantemente di aprire la porta dietro di noi, elevando le voci degli altri. Questo è il motivo per cui gran parte di ciò che facciamo a Force of Nature non è solo aiutare i giovani a tradurre l'eco-ansia in azione, ma aiutarli a sviluppare le capacità per fare la vera differenza nel mondo. Lo facciamo con tutta una serie di sessioni di formazione. Questi vanno dal mostrare ai giovani come farsi sentire - per usare la comunicazione come strumento per il cambiamento - all'insegnare loro come consigliare in modo critico i decisori su affari e politiche, che è dove attualmente risiede gran parte del potere incumbent.

Da lì, creiamo opportunità per garantire che quei giovani abbiano un posto a tavola. Riconosciamo l'influenza e le risorse che abbiamo e valutiamo come possiamo distribuirle al meglio per garantire che le voci che devono essere amplificate vengano amplificate. Stiamo mobilitando le mentalità per l'azione.

tre: E come possiamo spingere per una migliore rappresentazione e inclusione da un livello dall'alto verso il basso?

Trifoglio: Come punto di partenza, chiediti sempre chi non è nella stanza. Ogni volta che entri in uno di questi spazi, chiediti chi non è rappresentato. E poi In sostanza, se riconosci che non è facile identificare chi non è presente, impegnati per garantire che le risorse siano disponibili per una facile affissione dei segnali. Questo è semplice. Chiedi alle persone di cosa hanno bisogno. È un finanziamento? Connessioni? Accesso alla zona blu? Chiedi e poi fai il possibile per rimuovere eventuali ostacoli all'azione in modo che abbiano l'opportunità di impegnarsi.

tre: Perché pensi che sia così importante che i giovani siano il cambiamento che vogliono vedere?

Trifoglio: Ancora una volta, stiamo ereditando i peggiori impatti di questa crisi. Per questo motivo, i giovani sono tra i più espliciti sulla necessità di un cambiamento urgente. Abbiamo anche visto azioni dirette non violente, giovani rappresentati in modo sproporzionato, ma nel corso della storia ogni movimento sociale ha innescato un cambiamento. Sono sempre state le generazioni più giovani in prima linea.

C'è qualcosa di intrinsecamente dirompente nell'essere un giovane, guardare il mondo intorno a te e dire "Posso immaginare un modo davvero diverso di fare le cose".

Abbiamo caratteristiche naturali di cambiamento e la capacità di pensare in modo diverso. Passiamo molto tempo a parlare di ciò contro cui stiamo combattendo, ma è così importante dire effettivamente per cosa stiamo combattendo. Quando chiediamo ai giovani come è il mondo che vogliono ereditare, le idee che generano sono incredibili, creative, appassionate e fantasiose.

tre: Parlami dei Climate Cafe di Force of Nature e di come stanno fornendo uno spazio tanto necessario per la connessione, la comunicazione e la collaborazione per incoraggiare idee nuove e radicali. 

Trifoglio: Bene, ecco qua, ecco la risposta. Questo è esattamente quello che stiamo cercando di fare. A Force of Nature, abbiamo passato anni a creare spazio per la conversazione, per consentire ai giovani di condividere come si sentono e trovare solidarietà con gli altri. Durante queste conversazioni, quando abbiamo chiesto alle persone come hanno trovato l'esperienza, ci hanno detto che non solo ha dato loro un maggiore senso di responsabilizzazione e azione, ma le ha fatte sentire connesse attraverso la comunità. La parte più difficile dell'esperienza dell'eco-ansia è sentirsi soli con molte di quelle emozioni davvero difficili senza gli strumenti per affrontarle. Quindi, mentre i riflettori puntano sull'Egitto, volevamo creare spazi sicuri in cui le persone potessero incontrarsi, motivo per cui stiamo ospitando questo incredibile Caffè del clima. Abbiamo persone provenienti da tutti i ceti sociali, che abbracciano ogni generazione, per avere chat sincere. Inoltre, abbiamo circa 100 caffè decentralizzati per il clima, che forniscono micro sovvenzioni agli attivisti per rimuovere le barriere all'accessibilità. Per me, questa è stata la parte più impattante dell'iniziativa, vedere le persone prendere la responsabilità di dire "non lasceremo che alcuni leader in una stanza prendano decisioni per noi, ci rendiamo conto che il potere è nelle persone - con la comunità mobilitazione.'

tre: Quali sono i tuoi consigli personali per tenere a bada la nostra eco-ansia durante le prossime due settimane? Come possiamo continuare a incanalarlo in azione una volta che la COP sarà finita e avremo inevitabilmente molto da digerire?

Trifoglio: Non sei solo! Molti di noi sono abituati a seguire i movimenti senza affrontare come ci sentiamo - questo vale per tutta la salute mentale. Ma se permetti a te stesso di aprirti a un amico, un pari, qualcuno all'interno della comunità di Force of Nature, è davvero un ottimo punto di partenza che ti mostrerà che le tue emozioni sono così valide e così potenti. Cerca di non spegnere. Senti quei sentimenti - prova il dolore e la sopraffazione della crisi - e sappi che è il tuo superpotere. Il superpotere che motiverà te e gli altri ad agire.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità