Cerca
Menu Menu

Esclusivo: il Solutions Day della COP27 con Fazeela Mubarak

Quali dovrebbero essere le nostre conclusioni principali delle ultime due settimane, questo vertice ha avuto il successo necessario e possiamo essere ottimisti per il futuro? Abbiamo parlato con l'attivista e co-fondatrice di Wild Heart Kenya, Fazeela Mubarak, per scoprirlo.

Concludendo con una nota di speranza, il Solutions Day si è concentrato sull'esame delle possibili soluzioni per l'ampia gamma di sfide del cambiamento climatico che dobbiamo affrontare, in particolare su come possiamo limitare le temperature globali a 1.5 gradi Celsius se ci pensiamo bene.

Gli elementi della giornata includevano pannelli che esaminavano modelli di business ecologici, trasporti sostenibili e come le città possono affrontare la crisi a livello più locale. C'è stato anche un focus sulle start-up che stanno portando creatività e innovazione in questo sforzo.

Anche i negoziati diplomatici su un patto sono entrati nelle loro ore finali. Mentre i risultati esatti non saranno noti fino a quando la conferenza non si concluderà ufficialmente questo pomeriggio, il presidente della COP27 l'ha definita la "COP di attuazione" - il "momento di svolta mondiale sull'azione per il clima" - con l'obiettivo di mantenere i paesi ai loro impegni sulle emissioni di carbonio tagli.

Quindi, quali dovrebbero essere le nostre conclusioni principali delle ultime due settimane, questo vertice ha avuto il successo necessario e possiamo essere ottimisti per il futuro? Abbiamo parlato con Fazeela Mubarak per scoprire.

Per chi non la conoscesse, Fazeela è un'ambientalista diventata attivista nata e cresciuta in Kenya che ora vive a Londra ma il cui lavoro risiede principalmente nel suo paese d'origine.

Impegnandosi a sensibilizzare sull'importanza della conservazione della comunità e sul contributo delle pratiche indigene nella protezione della biodiversità della Terra, ha esperienza nella pianificazione e implementazione di progetti di mitigazione del cambiamento climatico con particolare attenzione alla riduzione dei conflitti uomo-fauna selvatica.

Ha anche co-fondato Cuore selvaggio Kenia, che usa per evidenziare come la crisi sta colpendo le comunità. Attraverso questo sta raccogliendo fondi per soluzioni sostenibili, responsabilizzando le donne e ispirando la prossima generazione di ambientalisti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)


Thred: la COP è al suo 27° anno, eppure i leader mondiali non riescono ancora a trattare l'emergenza climatica come un'emergenza. Quanto consideri efficienti le soluzioni che sono state presentate finora?

Fazeela: Finora, sento che le soluzioni si stanno muovendo molto lentamente, soprattutto quando si tratta di perdite e danni. Ho sentito che c'è stato un piccolo passo avanti per cui la maggioranza delle parti ha accettato di impegnarsi, ma quanto tempo ci vorrà per implementarlo? Quanto tempo ci vorrà per raggiungere il livello di base? Sto facendo quello che posso con la mia organizzazione, ma possiamo fare solo così tanto. Stiamo coprendo una piccola area per fornire aiuto alle comunità keniote durante questa siccità, ma il nostro paese è così vasto. Ecco perché, quando abbiamo questi problemi, è importante spingere per una politica dall'alto verso il basso e lasciare che le soluzioni scendano. È l'attesa che è un problema.

Quanto tempo dobbiamo aspettare prima di avere qualcosa di concreto che farà davvero la differenza per comunità come la mia?


Thred: Pensi che la COP avrebbe potuto fare di più per includere le voci dei giovani e dei gruppi minoritari nelle loro politiche e impegni? E le suddette politiche e impegni sono stati abbastanza ambiziosi?

Fazeela: No. Quando guardi ai rapporti dei movimenti civili che ci sono al momento, ci sono pochi indigeni e comunità in prima linea rappresentati. Da quello che ho capito, vengono esclusi dalle sale di negoziazione e confinati in determinati spazi.

È davvero scoraggiante aver appreso dopo tutto questo parlare di coinvolgere i giovani e gli individui del BIPOC. Perché quando ci presentiamo, siamo chiusi fuori dagli spazi decisionali. Il tutto mentre 600 rappresentanti dei combustibili fossili hanno accesso. Questo ti fa pensare: anteporranno davvero il nostro pianeta e le persone ai loro profitti? O è semplicemente l'ennesimo caso di lavaggio giovanile e simbolismo.

Inoltre, ci deve essere un cambiamento di sistema. Dobbiamo diffidare delle organizzazioni o delle persone che vogliono lavare i giovani. I contributi e le opinioni dei giovani vengono ignorati. Dobbiamo spingere per una vera rappresentanza e smettere di avere giovani presenti in questi spazi per il gusto di farlo.


Thred: Cosa speri di vedere dalle conversazioni e dai programmi di oggi? E ci sono argomenti che vorresti fossero all'ordine del giorno che non sono stati discussi o discussi abbastanza?

Fazeela: Ci sono discussioni sulle comunità in prima linea nello spazio perdite e danni, ma sembra ancora che siano ai margini. E qualcos'altro che finora non è stato affatto discusso riguarda la ricerca di soluzioni per la natura. In Kenya stiamo perdendo gran parte della nostra fauna selvatica. Lo stiamo guardando morire. Questo sta avendo un enorme impatto sulla biodiversità. Ma non ne parliamo nemmeno. Né le piante, che sono una parte vitale dell'ecosistema. Non abbastanza di questo è stato affrontato a causa della mancanza di risorse e finanziamenti. Organizzazioni come la mia, che si sforzano di proteggere la fauna selvatica del mio paese d'origine, hanno poco sostegno. Questo influisce su quanto sia facile per noi essere ascoltati e rappresenta una vera sfida.


Thred: La mia conclusione è che la crisi climatica è una questione così sfaccettata in modo schiacciante. Tocca tutti coloro che abitano il mondo, che si tratti di esseri umani, fauna selvatica o piante. Certo, sarà sempre difficile coprirlo in un periodo di due settimane ma, come dici tu, non c'è abbastanza attenzione sulle aree che necessitano di attenzione. Non c'è abbastanza supporto per le organizzazioni sul campo che svolgono effettivamente il lavoro, quelle che hanno più bisogno del sostegno del mondo.
Su questa nota, perché è così vitale che i diversi punti di vista dei gruppi minoritari siano incorporati nelle soluzioni?

Fazeela: Perché siamo in prima linea. Siamo le persone che stanno soffrendo di più. Si pensi alle calamità naturali che si sono verificate negli ultimi mesi. Siamo noi minoranze che lo stiamo sperimentando in prima persona. Se vivi in ​​Occidente, anche quando si verificano questi disastri, i meccanismi per affrontarli sono molto diversi.

Ciò è dovuto al passato colonialista che ha posto l'Occidente a un livello superiore nell'affrontare questa crisi. Ma quando si tratta di comunità come la mia, ci rimangono risorse minime. Anche i nostri governi stanno lottando.

Anche se stiamo soffrendo di più, tuttavia, abbiamo anche il maggior numero di soluzioni. I popoli indigeni hanno la conoscenza, la resilienza per affrontare tutto questo. Sanno cosa coltivare per sostenere le loro comunità durante una siccità. Sanno come lavorare con forti piogge. Non si tratta solo di come veniamo influenzati, si tratta di avere persone che abbracciano veramente le nostre soluzioni.

Non vogliamo che le persone ci dicano cosa dovremmo fare. Le soluzioni devono essere guidate da noi. Abbiamo tutto il diritto di avere voce in capitolo.


Thred: Il legame tra genere e cambiamento climatico non è necessariamente ovvio per la maggior parte delle persone. Eppure le donne e le ragazze sono alcune delle categorie di persone più vulnerabili che devono non solo affrontare gli effetti negativi della crisi, ma adattare davvero le loro vite per farvi fronte. Data la tua esperienza con questo, potresti espandere il motivo per cui sono colpiti in modo sproporzionato?

Fazeela: Dalla mia esperienza lavorativa, vediamo che le donne sono le più colpite da questa crisi perché sono quelle che si occupano delle loro fattorie, vanno a prendere l'acqua, portano i figli a scuola.

La crisi climatica sta peggiorando molto la povertà del periodo: nelle comunità rurali, le persone dipendono dalle piccole fattorie per il loro reddito. Tutto ciò che ne deriva viene utilizzato per il cibo, le medicine e per sostenere le ragazze nell'acquisto di prodotti sanitari.

A causa della siccità, i raccolti si stanno seccando e gli animali stanno distruggendo le fattorie. Questo conflitto tra fauna selvatica e comunità non è discusso abbastanza. A livello di comunità, questo è dannoso. Soprattutto per le madri single. È un grande disastro per le donne.

Un'altra cosa che non viene guardata sono le ferite che le donne devono affrontare. L'anno scorso ci siamo imbattuti in una signora ferita da un bufalo durante la siccità mentre accompagnava a scuola il suo bambino di quattro anni. Questa situazione ha portato in primo piano le disuguaglianze che dobbiamo affrontare perché il centro medico più vicino era a 80 km di distanza e non aveva nemmeno strutture sufficienti per curare le sue ferite. Dovevano trasferirla a Nairobi e lei non poteva permettersi di pagare i 300 dollari necessari. Riesci a immaginare di non avere accesso a questo?

Queste sono alcune delle cose che dobbiamo davvero esaminare e di cui non si parla abbastanza. Facciamo del nostro meglio per aumentare la consapevolezza attraverso le nostre reti, ma deve essere a livello politico.

Abbiamo bisogno che si parli di questi problemi e, cosa più importante, abbiamo bisogno di politiche che sostengano le persone colpite in questo modo.


Thred: quali impegni sono necessari per sostenere le comunità che sopportano il peso maggiore nelle regioni fragili? Credi che la COP27 abbia adeguatamente affrontato le esigenze di coloro che sono in prima linea e perché è così essenziale che le loro specifiche vulnerabilità siano al centro dell'attenzione in questo giorno di soluzioni?

Fazeela: Perdite e danni sono stati ampiamente discussi, ma a questo punto non si tratta di beneficenza o aiuti.

Queste sono riparazioni e sono attese da tempo. Siamo stati sfruttati così tanto dal nord globale. È giusto che ora siamo in grado di sostenerci durante una crisi che non abbiamo creato noi.

Anche la conoscenza è così importante. Garantire che le comunità sul campo siano autosufficienti e in grado di affrontare autonomamente i disastri naturali indotti dai cambiamenti climatici quando si verificano.

Dobbiamo assicurarci che le persone sul campo imparino a sostenersi quando si verificano le crisi e possiamo farlo con iniziative educative.


Thred: In che modo le persone in posizioni di potere dovrebbero sfruttare le opportunità offerte da una giusta transizione per migliorare la vita di coloro che sono oppressi dal cambiamento climatico?

Fazeela: Le priorità delle comunità in prima linea devi obbligatoriamente essere in cima all'ordine del giorno. Ci deve essere meno lobbying da parte delle compagnie di combustibili fossili. Finché generano i profitti che sono attualmente, non cambierà nulla.

Non credo che metteranno mai le persone al primo posto. Quindi dovremmo iniziare rimuovendo gli inquinatori dagli spazi del cambiamento. Avere Coca Cola come sponsor della COP27 è stato un enorme tradimento, in particolare per le comunità africane che hanno avuto un impatto negativo.

Abbiamo bisogno di COP che non siano sponsorizzati da chi inquina, in modo che una parte maggiore della società civile possa prendere parte allo sviluppo di politiche e soluzioni significative che, si spera, un giorno saranno la nostra grazia salvifica.

Non possiamo riporre la nostra fiducia in individui di alto livello fino a quando non vediamo che non fanno più affidamento sulle entrate.


Thred: Di volta in volta, i paesi ad alto reddito non sono riusciti a mantenere i loro impegni. Pensi che queste promesse saranno mai soddisfatte con azioni reali e come possiamo assicurarci che lo facciano?

Fazeela: Non credo perché anche quando i leader si confrontano si rifiutano di pagare. Le comunità in prima linea non hanno il privilegio delle persone nei paesi ad alto reddito di mantenere l'inerzia. Abbiamo bisogno che l'Occidente sia solidale con noi.

Parla con i tuoi governi locali, i tuoi parlamentari. Solleva i nostri problemi e porta avanti l'agenda affinché adottino progetti di legge come questo. Fai pressione su di loro. Alla fine della giornata, li assumiamo, le nostre tasse li pagano. Quindi è giusto che facciano quello che vogliamo.


Thred: Le persone agiscono quando la minaccia del cambiamento climatico diventa personale. Come possiamo assicurarci di lavorare tutti insieme su questo, un fronte unito nella lotta contro la crisi climatica? E come possiamo, come individui dediti alla causa, ritenere responsabili le persone necessarie non solo per aver contribuito alla crisi, ma anche per ostacolare il progresso con la loro inerzia?

Fazeela: Cerca di raggiungere le minoranze e le persone emarginate nelle tue comunità specifiche. Unisciti ai gruppi sul clima. Assicurati di parlare con i tuoi rappresentanti e governi. Quelli solidali con la causa.

Spingi per politiche che supportino effettivamente comunità come la mia nel sud del mondo. E sostenere le organizzazioni di base. Può essere così frustrante trovarsi di fronte alla realtà di questa crisi ma non avere le risorse per aiutare.

Quando le persone ci contattano, fa molta strada.


Thred: In apparenza, le iniziative che cercano di offrire ai giovani e alle minoranze una piattaforma suonano bene, ma spesso creano divisioni. Se queste persone vengono ancora escluse dalle stanze in cui possono avere un'influenza sostanziale, come possono garantire che ciò che viene detto si traduca in azioni tangibili e di impatto sia durante che oltre il focus globale della COP27?

Fazeela: Siamo sinceri con noi stessi, per arrivare a un vertice della COP, devi avere dei privilegi. Faccio appello agli attivisti che sono ben noti per aiutare i loro coetanei meno noti. Per dare loro la possibilità di partecipare a queste conferenze. Non devono essere sempre le stesse persone. Lascia che il nostro lavoro sia diverso. Quando ci responsabilizziamo a vicenda, facciamo molta strada.

Sostenetevi l'un l'altro a beneficio di ogni comunità. Questa non è una competizione; stiamo tutti combattendo per il bene del nostro pianeta.


Thred: Come possiamo mantenere lo slancio post-COP e come dovremmo includere nuovi giovani nella conversazione sul clima tra gli eventi annuali?

Fazeela: Assicurati di riposare. Dopo la polizia, tutti stanno vivendo il burnout, quindi abbi cura di te. Quando stai di nuovo bene, fai quello che puoi nella tua comunità per mantenere viva la conversazione. Potresti non ottenere la stessa esposizione che avresti durante la vetta, ma non fermarti. Non dobbiamo fermarci.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità