Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Giornata della finanza della COP27 con Oluwaseyi Moejoh

Abbiamo avuto il piacere di parlare con il co-fondatore di U-Recycle Initiative, Oluwaseyi Moejoh, di uno dei temi più scoraggianti e fraintesi della COP27: la finanza.

Oluwaseyi Moejoh è un ambientalista nigeriano e creatore del cambiamento globale, entusiasta della sostenibilità e della protezione degli oceani.

È co-fondatrice di U-Recycle Initiative, un'organizzazione guidata dai giovani incentrata sul progresso di un'economia circolare in Africa e oltre attraverso il rafforzamento della sostenibilità ambientale e della cultura del riciclaggio.

Oluwaseyi fondato U-Riciclo dopo aver vinto il TNCI Social Impact Award nel 2018.

I budget e le iniziative elaborati durante il Finance Day della COP27, se implementati, saranno fondamentali per trasformare le soluzioni in azioni.

Già centinaia di milioni di persone stanno subendo gli effetti del cambiamento climatico. Gli investimenti finanziari sono essenziali per garantire energie rinnovabili e migliori infrastrutture di difesa per far fronte a siccità diffuse, inondazioni e altro ancora.

Abbiamo parlato con Oluwaseyi dei passi che i giovani possono intraprendere per essere coinvolti nella difesa del cambiamento.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)

tre: Più e più volte, i paesi ad alto reddito non hanno rispettato i loro impegni di finanziamento del clima. Pensi che queste promesse saranno mai mantenute con azioni reali e come possiamo assicurarci che lo facciano?

Oluwaseyi: È stato triste vedere quanto sia lento il processo per ottenere l'azione dai nostri leader.

L'azione è stata così interrotta. Ci sono state così tante promesse, parole, impegni e discorsi fantasiosi nel corso degli anni. Il fatto che abbiamo tenuto più di ventisette conferenze sul clima, alcune anche prima che io – o la maggior parte della Gen Z – nascessi, significa che questo è andato avanti e sta ancora accadendo.

E il futuro? Anche i nostri figli dovranno passare attraverso le riunioni della COP per risolvere lo stesso problema?

Inizierò con una storia della mia esperienza alla COP26 dell'anno scorso. Una delle cose che ho scoperto alla fine è che, purtroppo, i vertici sul clima da soli non possono risolvere questo problema.

[Le riunioni della COP] sono un ottimo modo per riunirci per fare pressione sui nostri governi e presidenti affinché diventino più ambiziosi riguardo alle soluzioni climatiche, ma non possiamo fare affidamento sulla COP da solo per convincerli a fare ciò di cui hanno bisogno.

Dobbiamo capire che sono in gioco vite. Da qui all'anno scorso sono successe tante cose. Qui in Nigeria, abbiamo avuto e stiamo attualmente subendo un'alluvione molto distruttiva in 33 dei 36 stati del paese.

Non intendo un'alluvione che sommerga il piede o si fermi all'altezza del petto. Ci sono edifici a tre piani che stanno scomparendo a causa delle inondazioni. All'interno di ogni piano c'è acqua alluvionale. È davvero, davvero preoccupante. I prodotti agricoli ne risentono, perché le fattorie sono state spazzate via. Tutte queste inondazioni causano insicurezza alimentare. Causano ingiustizia ambientale.

Quindi penso che la risposta alla domanda sia: le riunioni della COP sono un ottimo modo per portare tutti nella stessa stanza a parlare. Ma le Nazioni Unite devono esplorare strategie più innovative che spingano i governi ad agire in tempo reale.

La gente dice che la COP di quest'anno riguarda l'attuazione. Quindi quali strutture stiamo mettendo in atto per garantire che governi e presidenti riportino i loro progressi durante tutto l'anno e prima della prossima riunione? Il tempo non è nelle nostre mani.

tre: Sulla nota di incoraggiare le Nazioni Unite a cercare più soluzioni insieme ai finanziamenti governativi e agli investimenti privati, avete qualche idea su quale azione alternativa deve essere intrapresa per realizzare il cambiamento e da chi?

Oluwaseyi: Mi piace vedere le questioni relative ai cambiamenti climatici e alle questioni ambientali da una prospettiva di mentalità.

Dico sempre che dobbiamo dare la priorità ai bisogni della natura perché, in definitiva, questi sono anche i nostri bisogni. Una volta che diamo la priorità ai bisogni della natura, non avremmo bisogno di esortare le persone a fare le cose che dovrebbero fare.

Immaginate se fosse normale che ogni singola organizzazione si impegnasse a finanziare o sostenere iniziative ambientali. Immagina che sia normale come dover pagare gli stipendi ai dipendenti.

Immagina se avessimo una struttura che incoraggiasse le persone a concedere finanziamenti, non perché vogliono apparire bene nei media, ma perché capiscono quali sono i bisogni dell'ambiente e vedono come i loro finanziamenti possono aiutare a migliorare le cose.

È stato triste assistere a un sacco di greenwashing in corso. Questo perché, nel tempo, ciò che ha dominato la nostra mentalità come esseri umani è il profitto. Ma quando osserviamo da vicino, capiamo che non è sostenibile.

Naturalmente abbiamo bisogno di profitto. Ma se diamo continuamente la priorità al profitto rispetto alla natura, al nostro pianeta, alla nostra gente, alla fine stiamo perdendo. Soprattutto perché ci sono cose che non possono essere quantificate sotto forma di denaro.

Se perdiamo i nostri ecosistemi, ci vorranno anni per riaverli. E alcune di queste cose non può essere riportato. Saranno andati per sempre. Non possiamo riportare indietro gli animali dall'estinzione o le persone quando perdono la vita a causa di disastri climatici. Questo riguarda già molti di noi.

Vorrei poter avere tutti i capi dei principali organi societari in una stanza per mostrare loro gli impatti molto raccapriccianti della crisi climatica. Siamo tutti esseri umani e tutti abbiamo dei sentimenti. Mostrerei loro le storie vere, le difficoltà che le persone stanno affrontando a causa di [una mentalità incentrata sul profitto].

Se vedessero queste storie vere, forse ciò influenzerebbe le loro decisioni perché, come sai, la conoscenza influenza le decisioni. Le storie influenzano le nostre vite in modo molto ampio.

Per cambiare la nostra vita, dobbiamo cambiare la nostra mentalità. Se potessimo cambiare la mentalità delle persone [nelle grandi aziende], si impegnerebbero per l'ambiente da un luogo di autenticità e, per me, un luogo intrinseco che sostituisce profitto e guadagno. Sarebbero più impegnati a intraprendere l'azione di cui il nostro mondo ha un disperato bisogno.

Thred: In che modo i giovani possono ritenere le aziende responsabili non solo di aver contribuito alla crisi, ma anche di ostacolare il progresso, nonché con le proprie azioni?

Oluwaseyi: Penso che l'azione parta dalla conoscenza.

Pensavo che i progetti di riciclaggio della Coca-Cola fossero buoni. E in piccolo lo sono. Ma quando si confronta la gravità del loro bene con la gravità del danno che stanno causando, è come una goccia nell'oceano. Abbiamo bisogno di loro per fornire soluzioni reali, non più false soluzioni.

Grandi aziende come Coca-Cola possono avere un modo molto più autentico e strategico per risolvere il problema [dell'inquinamento da plastica]. Potrebbero tornare al tavolo da disegno e impedire che la plastica venga pompata nell'ambiente al livello ridicolo che è in questo momento. Eppure hanno scelto di non farlo.

La mia conoscenza del greenwashing aziendale è il risultato del tempo dedicato al mio progetto. Imparare di più a riguardo, leggere rapporti, leggere articoli di notizie e tutto il resto. È arrivato nel tempo. Quindi alla radice di tutti questi problemi c'è la necessità dell'istruzione primaria. Più persone devono essere più informate sul problema.

Abbiamo bisogno che venga insegnato nel nostro curriculum scolastico. Non possiamo continuare a farci ingannare. Dall'istruzione derivano ispirazione, azione e innovazione. Innovi, inizi a richiedere più soluzioni e vedi i risultati.

Mi piace sempre fare riferimento alla storia di Greta Thunberg, perché tutto è iniziato quando ha imparato a conoscere l'ambiente a scuola. È tornata a casa, ha fatto delle ricerche e si è ispirata. Greta ha ora guidato un enorme momento di milioni di persone in tutto il mondo. Immagina di avere più Greta in Africa, in Asia, in diverse parti del mondo, che intraprendono più azioni e siamo più coinvolti.

Quindi la lezione di questa storia è che abbiamo bisogno di più educazione e consapevolezza sul clima. Abbiamo bisogno di costruire soluzioni e iniziare a chiamare in causa le aziende che si stanno discostando dalla linea di condotta. L'istruzione può aiutarci.

tre: Come possono i giovani avere accesso a maggiori aiuti finanziari? Come si potrebbe migliorare il sistema e come possono i giovani posizionarsi per accedere a un maggiore sostegno?

Oluwaseyi: Penso che dovrebbe partire da una mentalità di cercare di vedere come possiamo creare valore come persona.

Il mio viaggio nel cercare di ottenere finanziamenti per il mio lavoro è stato molto difficile. Direi che la liberazione è arrivata quando ho iniziato a pensare fuori dagli schemi, al di fuori del mio paese, a pensare all'esterno. Ad esempio, osservando il modo normale in cui le cose vengono fatte e pensando: come possiamo esplorare altri approcci innovativi per fare le cose? Ora capisco che il rafforzamento delle capacità è così intrinseco all'aiuto. Se vuoi raccogliere fondi da giovane, devi dimostrare di essere competente, di sapere cosa stai facendo.

Devi avere uno spettacolo: 'Ok, ho fatto X, Y, Z con cento persone. Se ottengo più finanziamenti, posso farlo per 1,000 persone. Oppure posso farlo per 10 milioni di persone.'

Devi anche capire l'importanza della conoscenza. Ho potuto accedere a più finanziamenti condividendo la mia storia personale e ciò che ho visto.

Avevo sedici anni quando ho avuto una delle mie prime esperienze con la raccolta fondi. Abbiamo dovuto vendere i biglietti per raccogliere fondi per un evento scolastico e abbiamo dovuto chiedere donazioni. Quindi, quando ho avviato la mia ONG, ho ricevuto una mini-sovvenzione di circa un centinaio di dollari – che era molto poco per una ONG – ma ho pensato a come creare un proof of concept che avrei poi potuto utilizzare per ottenere più finanziamenti per espandere il lavoro che voglio davvero fare.

Ho fatto affidamento sulle donazioni delle famiglie, sul crowdfunding e tutto questo mi ha aiutato a creare progetti su piccola scala, con l'aiuto del mio co-fondatore e dei membri del mio team. Siamo andati oltre i nostri mezzi, impegnandoci quanto più possibile per assicurarci di poter costruire qualcosa che fosse tangibile, autentico e di grande impatto. Siamo quindi stati in grado di lanciare una serie di piccoli eventi in diverse parti di Lagos in Nigeria, che hanno offerto altre opportunità.

Le opportunità sono sempre in giro, ma dobbiamo essere alla ricerca di loro. Dobbiamo posizionarci per accedervi.

Lasciatemi parlare di opportunità ora. Ho avuto l'opportunità del National Geographic e questo mi ha aiutato ad accedere a più finanziamenti per il mio lavoro. Ho conosciuto Nat Geo facendo parte di una rete. Quindi siamo passati dallo sviluppo delle capacità, che è il primo, alla priorità della conoscenza.

Ora, la terza cosa importante che direi è l'accesso alle reti. Da giovane non puoi fare questo tipo di lavoro da solo. Come puoi trovare la rete di cui hai bisogno nel tuo campo? Come puoi trovare un mentore che possa aiutarti a metterti nei posti giusti, oltre a consigliarti, supportarti e consigliarti? Le reti sono state così essenziali per il lavoro che svolgo. La maggior parte dei lavori su cui lavoro ora non li ho trovati online. Li ho presi attraverso una rete.

Da giovani, dobbiamo cercare reti, perché le persone cercano di connettersi con te. Se hai valore da offrire, lo riconosceranno.

In realtà stanno cercando anche te per aiutarti. Vogliono aiutarti, ma devi dimostrare che sai cosa stai facendo e che sei pronto. Se non sei pronto, puoi semplicemente dimostrare di conoscere le basi e di voler crescere.

Questa è un'altra cosa: devi avere la mentalità della crescita. Non essere legato all'idea di "oh, so tutto", ma piuttosto avere il desiderio di saperne di più su come puoi espandere il tuo lavoro. Quindi, prima dobbiamo sviluppare capacità, quindi acquisire conoscenze, accedere alle reti, dare priorità a una mentalità di crescita e cercare opportunità il più possibile.

Non farti deragliare dal rifiuto. I rifiuti sono solo – non so quanti rifiuti ho ricevuto negli ultimi cinque anni. Ci sono stati tanti episodi di rifiuto, ma questo non mi ha fermato e lo sono so felice che non lo sia stato.

Immagina se mi fossi arreso perché tutti non dicevano "sì" ai miei obiettivi o "sì" ai miei sogni. Non sarei dove sono oggi.

A volte i rifiuti sono positivi perché provocano il reindirizzamento. Ricordo di aver ricevuto un rifiuto da una particolare opportunità. Sono dovuto tornare indietro e chiedere: cosa sbaglio? Devi riflettere sul tuo lavoro per assicurarti che soddisfi la lista di controllo. Cerca di soddisfare uno standard globale di strategia che ti permetta di entrare in spazi importanti e ti dia accesso a porte aperte.

Cerca di essere diligente nei tuoi affari. Prova a vedere come puoi sempre fare uno sforzo in più, come puoi aggiungere il tuo tocco speciale al lavoro che stai facendo, non solo a fare quello che fanno tutti gli altri. Capisci perché devi presentarti ogni giorno, perché devi risolvere questo problema e comunicarlo attraverso la narrazione.

Anche tenere un buon registro del tuo lavoro online aiuta. Ad esempio, molte di queste opportunità per cui fai domanda, non ti conosceranno da nessuna parte. Le persone devono andare online per trovarti, capire il tuo lavoro e chi sei. Quindi, avere una buona registrazione di questo sulla tua piattaforma di social media - LinkedIn, Instagram, il tuo sito Web - ovunque esso sia e continua a fare domanda per opportunità.

Un'opportunità può letteralmente cambiarti la vita.

In sintesi: costruire capacità, acquisire conoscenze, accedere a reti, presentare risorse, candidarsi per opportunità e posizionarsi bene.

tre: Infine, i giovani già interessati all'azione per il clima seguiranno da vicino la COP27 nelle prossime due settimane, anche se con un po' di scetticismo. Come possiamo mantenere lo slancio dopo la COP e come dovremmo includere i nuovi giovani nella conversazione sul clima tra gli eventi annuali?

Oluwaseyi: Sono molto entusiasta che abbiano presentato il Padiglione della Gioventù alla COP. Dimostra che le nostre urla, le nostre voci, la nostra passione stanno spingendo il cambiamento. Mi rende così entusiasta di vedere che questo è stato il risultato del duro lavoro di così tanti giovani in tutto il mondo.

Mi fa pensare, immaginare se [i giovani] non si fossero fatti vedere. Immagina che pensassero: 'Oh, il cambiamento climatico è così travolgente. Non ho intenzione di fare alcuno sforzo per quello.' Ma grazie a Dio per quelle persone che hanno davvero cercato di presentarsi, almeno al meglio delle loro capacità.

E perché si sono presentati? La maggior parte di queste persone capisce. Hanno visto, hanno sperimentato il cambiamento climatico. Lo hanno vissuto. Ecco perché continuano a fare il lavoro che stanno facendo.

Anche se potresti non vivere il cambiamento climatico come un argomento urgente, una cosa è certa: nella tua zona, un posto è più caldo di prima o piove più di prima. Quindi il cambiamento climatico sta colpendo tutti noi, in un modo o nell'altro.

Quindi, come possiamo preservare lo slancio? Azione. L'azione ha sempre risultati e, dopo esserti mostrato ogni giorno, puoi vedere a cosa sono arrivati ​​i risultati. Le tue azioni contano e anche le azioni degli altri contano.

Perché scegliere l'inazione quando hai la bellissima opportunità di essere parte della creazione di questo futuro unico che i tuoi figli, i tuoi nipoti, sperimenterebbero? Puoi farne parte e non devi sentirti sotto pressione. Solo contribuendo nel tuo piccolo, puoi fare una grande differenza.

Abbiamo bisogno della voce di tutti in questo movimento. Non devi essere il più forte. Anche il più piccolo strillo è qualcosa. Contribuisce al bene più grande di ogni cosa.

È così importante saperne di più sulla crisi climatica. Può essere semplice come guardare un documentario o seguire un attivista ambientale online. Ad esempio, sui miei [social media] ho dato da mangiare a molte persone che hanno conoscenze esperte in moda, cambiamenti climatici, attivismo climatico intersezionale e diritti delle donne. Usano sempre i social media come strumento.

Qualcosa di semplice come assicurarsi di seguire le persone che possono darti informazioni [sulla crisi climatica] ti aiuterà a posizionarti meglio per contribuire al movimento.

Riproduci un video, ascolta i podcast, iscriviti alle newsletter. Ci sono un gran numero di risorse che sono state create affinché i giovani abbiano accesso a informazioni, conoscenze, opportunità e persino posti di lavoro in questo spazio. Ottenere l'accesso a questo tipo di contenuto può essere di grande aiuto per chiunque voglia iniziare. Puoi anche esplorare il volontariato o parlare con la tua famiglia e i tuoi amici.

In sintesi, cercare di mantenere lo slancio è un tipo di azione importante. L'azione produce sempre risultati. Le buone azioni hanno buoni risultati, le cattive azioni e l'inazione hanno risultati negativi.

Anche se non vedi i risultati ancora, continua ad essere ottimista e rifletti sulle storie positive. Per quanto ci siano notizie terribili online sul cambiamento climatico e sulla COP27, ci sono anche ottime notizie. Prova a cercare notizie stimolanti che possano aiutarti a rimanere radicato in tutto questo movimento. E non pensare che il mondo stia per finire, perché l'eco-ansia è davvero terribile.

Dopo la COP dell'anno scorso, molti di noi hanno avuto quell'esperienza personalmente. Avevamo un'ansia per l'ambiente su vasta scala. Potrebbe essere irritante in alcuni punti perché queste sono le persone che hanno il potere di prendere impegni per cambiare le cose, ma stanno semplicemente scegliendo di non agire quanto vogliamo. In quel momento è facile sentirsi senza speranza, ma capisco il potere che abbiamo come individui.

Abbiamo così tanto potere al di là di ciò a cui possiamo anche solo pensare. Se mettiamo davvero la nostra mente su qualcosa e lavoriamo continuamente per raggiungerla, se sogniamo in grande e siamo coerenti, creeremo il cambiamento.

C'è un detto "se c'è una volontà, c'è un modo". Inizia con la nostra volontà. Sii disposto a far parte del movimento, a contribuire al lato positivo del movimento e molto può evolvere da questo.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità