Cerca
Menu Menu

Esclusivo: l'Energy Day della COP27 con Ghislaine Fandel

Abbiamo parlato con Ghislaine Fandel, che è una sviluppatrice di risorse e creatrice di contenuti per Subject to Climate, nonché ambasciatrice dell'SDG13 per il movimento per l'impatto sociale, di tutto ciò che riguarda l'energia.

Ghislaine Fandel è una sviluppatrice di risorse e creatrice di contenuti per Subject to Climate, nonché ambasciatrice SDG13 per Movimento per l'impatto sociale.

L'esperta scientifica sta attualmente studiando per il suo Master in Sviluppo Sostenibile e scrive per numerose pubblicazioni sulla giustizia ambientale.

Dato che la scienza e la comunicazione del clima hanno svolto un ruolo così significativo in la sua esperienza ad oggi abbiamo ritenuto opportuno parlare con lei nella nona giornata della COP27, il cui tema è l'energia.

I delegati esamineranno come le tecnologie nuove e in via di sviluppo, come l'idrogeno verde, potrebbero aiutare nella prevista transizione globale verso lo zero netto.

Ci sarà anche un'ulteriore discussione su come questa transizione, che è più economico che continuare con i combustibili fossili, saranno finanziati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)


Thred: Quali sono le tue opinioni generali sulla conferenza sul clima?

ghislaine: Sono d'accordo con l'idea generale, con il concetto di avere un luogo di ritrovo per politici, scienziati, attivisti, manifestanti, civili, innovatori ecc. ma allo stesso tempo non so se questo è essenzialmente quello che stiamo vedendo a COP in questo momento. Non è davvero quello che è COP al momento, né quello che è stato negli ultimi anni. Per citare alcuni esempi ovvi, sette dei 110 delegati alla COP sono donne, oltre 600 persone rappresentano gli interessi dell'industria dei combustibili fossili e la maggior parte dei giovani e dei manifestanti sono stati fisicamente separati dal resto dell'evento.

Legate insieme, queste cose portano più danni che benefici. La COP è stata anche un po 'performativa per alcuni, se non molti, paesi quando si trattava di impegnarsi effettivamente nell'azione per il clima e di portare a termine questi impegni. D'altra parte, per altri fornisce una piattaforma sulla scena mondiale. Tuttavia, non lo ha fatto con una rappresentanza sufficiente per il Sud del mondo.


tre:
Ci chiediamo tutti cosa possiamo aspettarci dagli esiti dei colloqui e degli impegni di oggi. Vedi il COP come un vero e proprio percorso verso una transizione energetica pulita o è una causa persa?

ghislaine: COP è importante in quanto evidenzia sia i risultati che i fallimenti quando si tratta di paesi e della loro transizione verso l'energia pulita. Questo è importante perché li mette in evidenza per gli attivisti e le persone che vivono in questi paesi che sono esposti al cambiamento climatico. Esponendo quel divario tra dove siamo ora e dove dobbiamo essere, possiamo coinvolgere più persone e chiedere più azione.

Allo stesso tempo, è difficile dire che sia una causa persa perché voglio così tanto sperare in questo. Penso che il COP sia importante per tracciare un percorso per una transizione energetica pulita, ma è più una questione di matematica e quella matematica ci porterà solo così lontano a meno che non agiamo effettivamente di conseguenza.


Thred: Sebbene le persone, i politici e le aziende siano ora ben consapevoli delle implicazioni dell'inerzia sui combustibili fossili, l'energia sostenibile costituisce ancora una parte considerevolmente piccola di ciò che usiamo quotidianamente. Perché pensi che non ci sia stato ancora un passo più deciso verso opzioni sostenibili, nonostante fossimo così chiaramente consapevoli della necessità di cambiare? 

ghislaine: Sappiamo tutti che abbiamo bisogno di questa transizione verso l'energia pulita e lontano dai combustibili fossili. Vorrei sottolineare ciò che ho menzionato in precedenza riguardo al numero di rappresentanti dei combustibili fossili che agiscono per conto di carbone, petrolio e gas e che sono presenti alla più grande conferenza mondiale sul clima in questo momento. L'industria dei combustibili fossili si è posizionata apposta per essere considerata necessaria per lo sviluppo, la prosperità economica e persino per il benessere in molti luoghi. Ciò è stato reso possibile da molti dei sistemi politici ed economici che abbiamo in atto, e ora detiene molto potere su quegli stessi sistemi.

Quando si accoppia la miopia di molti politici con un'industria così disposta a fare tutto il necessario per massimizzare i propri profitti e rimanere rilevante in senso economico – anche in senso politico – con l'imperialismo e il neocolonialismo mentalità che sta dettando le relazioni tra i paesi in questo momento, porta a dove siamo oggi: di fronte a una mancanza di azione decisiva che consenta una transizione energetica pulita, giusta ed equa.

Ci sono molti fattori in gioco. Quando parliamo di quanto i combustibili fossili rimangano rilevanti rispetto a quanto sia rilevante l'energia pulita in questo momento, dobbiamo anche parlare del lato del consumo delle cose. Perché anche se produciamo più energia rinnovabile, più energia pulita, il che è fantastico, anche la domanda è in aumento. Sostanzialmente la quota di combustibili fossili nel mix energetico rimane sostanzialmente invariata. Per una transizione verso un'energia pulita dobbiamo affrontare sia l'offerta che la domanda. Più persone, in particolare quelle nei paesi ad alto reddito, devono rendersi conto che il consumo di energia è più alto in questi paesi.

È importante accettare che sarà necessario ridurre i consumi per consentire questa transizione. Poiché i paesi a basso e medio reddito continuano a sviluppare e utilizzare più energia, come è loro diritto, il Nord del mondo ha bisogno di fare spazio in termini di utilizzo di energia perché in questo momento vivere come un americano o un europeo occidentale è semplicemente così insostenibile.


Thred: Hai sottolineato l'importanza di vedere questo da entrambi i lati. Su questa nota, wQuale ruolo pensi che gli attivisti e la comunità scientifica debbano svolgere nell'assicurare che le politiche vengano messe in atto? 

ghislaine: Penso che tutti abbiamo un certo livello di responsabilità quando si tratta della crisi climatica. Alcuni significativamente più di altri. Ma gli attivisti e la comunità scientifica (e non lo sottolineerò mai abbastanza) sono fondamentali per l'azione per il clima per una serie di ragioni. Per uno, responsabilità. Mi riferisco a garantire che i politici siano effettivamente impegnati e agiscano in base alle loro promesse.

Per questo, penso che abbiamo bisogno di una maggiore inclusione di attivisti e scienziati nella consulenza sulla politica che non è dove siamo oggi. Lo vedremo alla COP27. C'è il Padiglione della Gioventù, ma per certi versi separa i giovani dalla discussione. Dobbiamo assicurarci che questi attivisti e scienziati siano ascoltati perché altrimenti continueranno a ricorrere alla disobbedienza civile in nome dell'azione per il clima. Ciò, tuttavia, è necessario in questo momento perché i governi non stanno prestando sufficiente attenzione a questo problema e non si stanno impegnando a sufficienza. Quel lavoro è fondamentale ed è spesso sottovalutato e travisato.

Penso che oltre a questo, arrivi l'aspetto educativo che è più dove il mio lavoro si è allineato. Le persone hanno davvero bisogno di conoscere la verità dietro l'urgenza – non solo che il cambiamento climatico sta avvenendo – e la gravità della situazione che stiamo affrontando e che così tante persone in questo momento sono esposte e da cui sono influenzate. In tutte le parti della società. Non si tratta solo di educare sulla scienza alla base del cambiamento climatico, ma sul ruolo di fattori come il razzismo, la misoginia e il colonialismo (solo per citarne alcuni).

Il movimento per il clima ha bisogno di aiuto e più persone sono istruite sulla questione - che sono gravate ma anche autorizzate da questa conoscenza - più risolutori di problemi, leader e sostenitori abbiamo che si battono per il mondo naturale e per l'ambiente.


Thred: Quale pensi sia l'approccio migliore per insegnare alle persone la scienza del clima? Soprattutto ora che il pubblico giovane in particolare è così sopraffatto da un livello così alto di terribili notizie online e offline. Qual è il mezzo migliore per portare consapevolezza al problema?

ghislaine: Molte persone diverse costituiscono un pubblico quindi può essere davvero stimolante e difficile anche comunicare il cambiamento climatico in modo efficace perché è anche così sfaccettato. Ma penso che ci siano alcuni elementi critici. Uno, ad esempio, è l'accessibilità. Questo può significare che l'educazione al clima è gratuita. Un altro può semplificare il linguaggio. Perché è spesso visto come un problema così complesso e quando parliamo della scienza dietro le soluzioni può essere complicato. Garantire che le informazioni siano accessibili alle persone è importante per loro non solo per sentirsi potenziate dalla conoscenza che stanno acquisendo su di esse, ma anche dalla loro capacità di comunicarle ulteriormente alle persone intorno a loro.

È anche importante relazionarsi con le persone. L'empatia e la compassione sono così necessarie. Coinvolgere le persone con storie sulla realtà della situazione. Tutti saranno esposti al cambiamento climatico prima o poi, ma molte persone ne stanno sentendo parlare proprio ora. Parlando non solo delle storie di coloro che sono vittime dei costi del cambiamento climatico, ma anche delle soluzioni che sono venute fuori da queste comunità, della loro resilienza e della loro forza nell'adattarsi. Questo si collega all'aspetto della speranza perché, come hai detto, così tante persone sono esposte quotidianamente a notizie davvero orribili, quindi quando parliamo di soluzioni - non solo di quelle grandi come l'energia - dobbiamo abbinarle a chiamate a azione. L'ansia climatica nasce da questo e le persone hanno bisogno di speranza, hanno bisogno di qualcosa di tangibile su cui lavorare che le mantenga motivate.


Thred: Esattamente. Vogliamo che il grande petrolio si faccia da parte e le persone che escogitano queste incredibili iniziative sono quelle che hanno il maggiore impatto. A che livello pensi che le buone iniziative vengano bloccate: è un governo, un livello di desiderio o pensi che la colpa potrebbe essere dei media?

ghislaine: Purtroppo penso che sia a tutti i livelli: locale, internazionale, regionale e dei media. L'industria dei combustibili fossili (in particolare aziende come Shell, Chevron, Exon, BP, Total ecc.) ha dimostrato che non c'è arretramento da nessuna delle azioni a cui ha preso parte quando si tratta di spostare comunità, ad esempio, o di degradare ecosistemi e habitat. Per aver davvero colpito persone e paesi comuni su scala globale. Non c'è modo di tirarsi indietro quando c'è un profitto da realizzare. Sradicano le comunità e gli ecosistemi, intimidiscono gli attivisti, sono i principali contributori alle emissioni e hanno investito molto in questi sforzi e negli sforzi futuri per estrarre carbone, petrolio e gas.

Allo stesso tempo, non ha incontrato abbastanza resistenza politica e blocco da dimostrare quanto prolificamente non ci sia arretramento. Queste aziende spendono centinaia di milioni di dollari ogni anno facendo pressioni sui politici, c'è uno scambio lì. L'azienda di combustibili fossili dà qualcosa e riceve qualcosa in cambio. E viceversa. Questi politici subiscono pressioni e quindi esercitano influenza sulla legislazione, sui tribunali, sulle società e su gran parte dei media.

È importante capire quanto è lontana la portata. Di un'industria con così tanto potere, denaro e motivi per agire contro l'azione per il clima.

È a tutti i livelli ed è importante conoscerlo perché poi puoi esserne consapevole e comunicarlo ad altre persone. È anche importante disimparare alcune delle cose che l'industria dei combustibili fossili ci ha imposto. Cose tra cui l'idea sbagliata che la cattura del carbonio ci salverà tutti, che possiamo evitare del tutto una transizione energetica pulita e che dovrebbero farne parte, cosa con cui non sono d'accordo.


Thred: Parli molto della relazione tra cambiamento climatico e altre questioni sociali. Potresti spiegare come sono legati e perché pensi che questioni sociali come questa non possano essere separate dalla conversazione quando si tratta di azione per il clima?

ghislaine: Di recente ho scritto un articolo sul ribaltamento di Roe V Wade per evidenziare come le donne e le persone incinte siano colpite dalla crisi climatica e per far luce su quanto sia intersezionale questo problema. Non c'è soluzione alla crisi climatica senza giustizia climatica: non c'è modo di aggirarla.

Quando si tratta della discussione sulla salute, penso che questo sia così poco menzionato nel contesto dell'inquinamento atmosferico o della vicinanza a fabbriche e centrali elettriche a carbone. Generalmente no, non ne parliamo abbastanza. Non parliamo dell'aumento della trasmissione di malattie come la malaria che è probabile che diventino più comuni in Sud America e in Africa. Né quanto siano terribili le conseguenze per le persone in quelle regioni né in che modo lo sviluppo di quei paesi sia influenzato da queste malattie.

Tutti questi problemi sono collegati. Puoi collegare la salute al genere per correre allo sviluppo di un paese. Tutti i progressi che facciamo quando si tratta di salute sono influenzati negativamente dal cambiamento climatico e non credo che si parli abbastanza dei progressi ostacolati dalla crisi.

Thred: Pensi che le voci dei giovani siano adeguatamente rappresentate quando si tratta di azione per il clima?

ghislaine: Penso che siano più rappresentati ora di quanto non lo siano mai stati. Penso che come specie stiamo finalmente iniziando a considerare le generazioni future, cosa che penso sia qualcosa che gli esseri umani – ad eccezione di quelli delle comunità indigene – hanno faticato a fare in passato. Se agiamo su questo è ambiguo. Molte volte è performativo. A volte è gradito, altre volte no.

Molti di noi incontrano "hai x anni, quanto potresti sapere sul problema" o "non capisci quanto sia complicato attuare queste soluzioni, quindi devi sederti perché è non è il tuo forte.' La bellezza dell'impegno giovanile, il suo punto di forza, è che siamo tra i più propensi a prendersi cura di quelle generazioni future. E poiché non siamo così impantanati dalla realtà delle politiche e dei negoziati, chiediamo ciò che è necessario per il pianeta. C'è questo concetto che in qualche modo possiamo negoziare con il cambiamento climatico, che possiamo chiedere che il livello del mare non si innalzi o pretendere che l'aumento delle temperature cessi, ma questa non è la realtà della situazione. Penso che molti politici facciano finta che sia così.

I giovani non lo vedono. Assumiamo questa posizione di 'questa è la realtà della situazione' e ci sforzeremo di apportare il cambiamento con ogni mezzo necessario (in modo giusto ed equo ovviamente) senza preoccuparci della competitività del nostro paese sulla scena mondiale.

Non siamo disposti a sacrificare il clima, le generazioni future, gli ecosistemi e miliardi di persone per la crescita economica.

In una nota finale, voglio sottolineare quanto sia sbalorditiva la conversazione sul fatto che l'industria dei combustibili fossili debba far parte della soluzione. Questa non è un'opzione a questo punto. Abbiamo circa tre anni per limitare il riscaldamento a 1.5 gradi Celsius. Ciò significa raggiungere il picco delle emissioni e quindi diminuire.

L'industria dei combustibili fossili e le loro intenzioni, piani e sforzi - che non sono stati realizzati - non sono in linea con questo. Per le persone che sono cadute vittima delle industrie e per i sistemi politici ed economici che hanno permesso loro di afferrarle così tanto, questa industria non merita la piattaforma o l'opportunità di far parte della soluzione.

Hanno causato enormi quantità di danni e conoscono le conseguenze delle loro azioni da decenni e invece di affrontarle hanno scelto di mentire, manipolare e ingannare. Questa è una questione di diritti umani. Queste sono violazioni contro il mondo naturale. Questo non è il tipo di industria che se ne andrà alla leggera. Questi sono problemi che devono davvero essere affrontati da tutti i soggetti coinvolti.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità