Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Gender Day della COP27 con Catalina Santelices

Abbiamo parlato con l'attivista socio-ambientale ed ecofemminista cilena Catalina Santelices del legame tra genere e cambiamento climatico, perché le donne e le ragazze sono colpite in modo sproporzionato dalla crisi e cosa si deve fare per affrontare questo problema.

Nonostante i progressi degli ultimi anni, resta ancora molto da fare per ampliare la prospettiva di genere nel contesto del cambiamento climatico. A COP27 si è tenuta una giornata a sé stante, con l'obiettivo di integrare pienamente l'uguaglianza nei processi di formulazione e attuazione delle politiche e delle azioni sul campo.

Finora, i colloqui hanno cercato di portare la questione in primo piano fornendo una piattaforma dedicata in cui discutere le sfide esistenti, condividere le esperienze e promuovere strategie reattive.

Per saperne di più, abbiamo parlato con un'attivista socio-ambientale ed ecofemminista cilena Catalina Santelices, che si concentra su questo particolare aspetto della protezione della nostra Terra.

È la co-fondatrice di Latine per il clima, una rete di giovani femministe latinoamericane che sensibilizza sull'intersezionalità e supporta donne e ragazze in tutta la regione con contenuti virtuali che consentono loro di far sentire la propria voce. Attraverso questo progetto, che sperano avrà un impatto di vasta portata, stanno collegando i punti tra i diritti umani e la crisi in corso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)


Thred: Il legame tra genere e cambiamento climatico non è necessariamente ovvio per la maggior parte delle persone. Eppure le donne e le ragazze sono alcune delle categorie di persone più vulnerabili che devono non solo affrontare gli effetti negativi della crisi, ma adattare davvero le loro vite per farvi fronte. Potresti espandere il motivo per cui sono colpiti in modo sproporzionato e come speri che questo venga affrontato oggi? 

Catalina: Ci sono numerose ragioni per cui le donne, in particolare quelle del Sud del mondo, sono così colpite dalla crisi. Le più prolifiche sono le strutture sociali obsolete. Vengo dal Cile e le ragazze delle nostre comunità indigene stanno davvero lottando perché devono rimanere a casa e prendersi cura delle loro famiglie piuttosto che studiare in modo da poter prendere decisioni importanti. Le donne hanno una probabilità 3 volte maggiore di morire in un disastro climatico perché siamo relegate in questi spazi.


Thred: Credi che la COP27 possa soddisfare i bisogni primari delle donne e delle ragazze in prima linea (politiche integrate, aiuti finanziari e una migliore cooperazione regionale sono alcuni esempi)?

Catalina: Non credo che COP li salverà. Le decisioni prese oggi non raggiungeranno le donne e le ragazze in prima linea. Non ora, non per gli anni a venire. Ciò che aiuta davvero, tuttavia, è entrare in contatto con persone al di fuori dei negoziati. Perché dentro quelle stanze non si proiettano i bisogni delle persone, solo interessi privati.

Sono i soldi sulle vite al momento.


Thred: La struttura della COP rimane priva di potere per i gruppi di minoranza, dalle regole su come si possono tenere le azioni (ad esempio le proteste), alle limitazioni sull'accesso. Ciò aggrava le sfide che già devono affrontare le donne e le ragazze, in particolare quelle del Sud del mondo. Come si possono correggere questi problemi e finora abbiamo assistito a miglioramenti al vertice di quest'anno? 

Catalina: Le latine sono davvero sottorappresentate alla COP quest'anno. Questo va bene. Siamo in Africa, quindi è essenziale amplificare le voci delle donne africane. Tuttavia, le latine non vengono ascoltate. L'anno scorso abbiamo rappresentato solo il 3.8% di tutti i partecipanti. Le decisioni vengono prese senza la nostra presenza. In termini di miglioramenti, non credo ce ne siano stati. Se pensi alla politica principale richiesta alla COP27 – perdite e danni – non abbiamo visto molto. Ciò dimostra una grave mancanza di impegno da parte dei governi. Non siamo nemmeno a metà strada eppure non abbiamo tempo da perdere. Un miglioramento per me che vorrei menzionare è stato il padiglione dei giovani. Ho potuto incontrare così tante persone straordinarie da tutto il mondo per discutere di progetti, delle nostre culture, delle nostre lotte. È stato uno spazio fantastico e sicuro per noi per fare rete che penso fosse davvero necessario questa volta.


Thred: Sebbene le donne e le ragazze siano già colpite in modo sproporzionato dalla crisi climatica, si sono comunque mostrate resilienti per risolvere questi problemi per decenni. Come possiamo amplificare le loro voci, una migliore rappresentazione e assicurarci che abbiano un posto al tavolo evitando il simbolismo? 

Catalina: Da ragazza cilena ho sperimentato molto tokenismo, ma anche lavaggio giovanile. Alla COP, i responsabili delle decisioni ci vogliono solo per le operazioni fotografiche e per fare discorsi che permettano loro di sentirsi come se stessero includendo gruppi di minoranza, ma che non ascoltano veramente. Abbiamo bisogno di avere una voce. Dobbiamo essere rappresentati ovunque. Non solo dove vogliono che siamo. Voglio dire, non possiamo nemmeno protestare quest'anno. Siamo ammanettati. Qualcosa deve cambiare e presto.


Thred: Circa l'80% degli sfollati a causa del cambiamento climatico sono donne. Quando si verificano disastri, spesso affrontano norme di genere dannose e violenze sessuali mentre cercano protezione. Oggi ci si concentrerà sul miglioramento della prevenzione di queste implicazioni. Quale risultato vorresti vedere e come possiamo noi, come individui, spingere per un maggiore riconoscimento di questo problema una volta che il vertice sarà finito? 

Catalina: In primo luogo, non se ne parla abbastanza! Sappiamo che sta accadendo perché nelle nostre regioni non è qualcosa verso cui stiamo andando, è la nostra realtà. L'abbiamo visto con il Pakistan. Non stanno facendo niente. Non c'è una prospettiva di genere nel capire come affrontare questo problema. Solo sette dei 110 leader mondiali alla COP27 si identificano come donne, secondo le Nazioni Unite. È quindi necessaria un'azione urgente per rimediare a questa totale mancanza di rappresentanza. Soprattutto se dobbiamo affrontare tutte le ingiustizie che dobbiamo affrontare per essere donne al di fuori delle mura del vertice.

Vogliamo un posto a tavola perché ce lo meritiamo. Abbiamo le capacità, le conoscenze.

Individualmente, dobbiamo parlarne il più possibile. Non è scontato che le donne siano così colpite da questa crisi. Più diffondiamo la consapevolezza, tuttavia, prima vedremo le donne incluse nel modo in cui meritano di essere.


Thred: C'è un enorme divario nella finanza climatica sensibile al genere. Chi è responsabile di garantire che le donne non siano più escluse dai benefici economici degli sforzi di mitigazione? 

Catalina: Non stiamo ancora vedendo risultati. Fino a quando non lo faremo, possiamo solo sperare che abbiano affrontato la strategia finanziaria da una prospettiva di genere. Ho sentito che è probabile che l'abbiano fatto, ma non posso dirlo con certezza.


Thred: quali impegni sono necessari per sostenere le donne che sopportano il peso maggiore nelle regioni fragili? E perché è così essenziale che le loro specifiche vulnerabilità siano al centro dell'attenzione alla COP27? 

Catalina: Abbiamo bisogno di soldi. Svolge un ruolo enorme nell'impegno per i bisogni delle donne nelle regioni fragili. Senza di esso non possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Abbiamo la capacità, ma non veniamo ascoltati in questi spazi. Donare e sostenere le donne come individui, organizzazioni non profit, settore privato, settore pubblico: tutto ci aiuta a fare ciò che è necessario. Abbiamo le soluzioni per i nostri problemi. Non abbiamo bisogno che il Nord del mondo venga a salvarci, ma abbiamo bisogno che ci mostrino i soldi.


Thred: Perché è così importante che i diversi punti di vista delle donne siano incorporati nelle soluzioni? 

Catalina: Perché siamo noi a vivere questa crisi in prima persona. Anche se abbiamo il minimo potere nel grande schema delle cose. Sappiamo come sta influenzando le persone. L'abbiamo visto accadere alle nostre famiglie, ai nostri amici, alle nostre comunità. Sappiamo cosa stiamo affrontando. Abbiamo le soluzioni perché abbiamo avuto così tanto tempo per sperimentarle. Le donne e le ragazze sono la soluzione a questa crisi. Se li istruiamo, possiamo risolvere questo problema. Dobbiamo dare loro la capacità non solo di avere queste idee, ma anche di realizzarle.

Possiamo cambiare tutto con le nostre prospettive se ne abbiamo la possibilità.


Thred: In che modo le persone in posizioni di potere dovrebbero sfruttare le opportunità offerte da una giusta transizione per migliorare la vita delle donne che sono oppresse negativamente?  

Catalina: Le persone al potere non stanno facendo nulla. Stanno salvando se stessi, i loro bisogni privati ​​e le economie dei paesi in cui vivono. Non si preoccupano di quelli in prima linea. Dobbiamo prendere le cose nelle nostre mani. Non siamo qui per essere salvati, siamo qui per salvare il mondo. Dedichiamo il nostro tempo a migliorare gli ecosistemi più critici. Abbiamo le soluzioni; abbiamo solo bisogno del denaro che ci è dovuto da anni e anni di iniquità in tutti gli angoli del mondo.


Thred: Perché l'uguaglianza di genere è così parte integrante dell'azione per il clima? 

Catalina: Non c'è giustizia climatica senza giustizia di genere. Né senza diritti umani. La crisi climatica è una crisi dei diritti umani. Le donne costituiscono il 50% della popolazione terrestre. Non possiamo essere lasciati indietro ancora una volta in ruoli secondari che non hanno alcun impatto; dobbiamo essere in prima linea nella lotta. Delle soluzioni. Le donne elevano le loro comunità con le loro soluzioni. Come possiamo farlo alla COP se non veniamo ascoltati? Abbiamo bisogno di più rappresentanza. Siamo in questo insieme, comportiamoci come tale.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità