Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Sophia Kianni sul perché la conoscenza è la chiave per la giustizia climatica

L'attivista della Gen Z Sophia Kianni ha fondato i Climate Cardinals; un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata a colmare il divario di traduzione del clima. Crede che l'istruzione sia lo strumento più prezioso nella lotta per salvaguardare il futuro del nostro pianeta.

A soli 20 anni, Sophia Kianni è sia il membro più giovane del Gruppo consultivo per i giovani delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici sia la fondatrice di Climate Cardinals, un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro che sta lavorando per rendere il movimento per il clima più accessibile ai non anglofoni .

"Assicurandoci che il mondo sia il più informato possibile, garantiamo che tutti [coinvolti nella lotta] siano in grado di presentare le proprie soluzioni in modo olistico", afferma.

Abbiamo parlato con la Gen Zer iraniana-americana di Climate Cardinals e dell'importanza dell'istruzione quando si tratta di un'azione globale unificata contro il cambiamento climatico.

 

Cosa ha scatenato la spinta di Sophia a fare un cambiamento?

Spiegando la motivazione dietro il suo attivismo, Sophia dice a Thred che i viaggi regolari nella patria dei suoi genitori, l'Iran, hanno gettato le basi per il suo coinvolgimento nel miglioramento dell'educazione climatica.

In una delle sue recenti visite, è rimasta colpita da quanto poco i suoi parenti sapessero della crisi in corso. Non per scelta, ma per mancanza di risorse informative che erano effettivamente in grado di comprendere.

Da questo punto in poi, Sophia comincerebbe a esaminare perché più di metà Alla popolazione di lingua mondiale viene negata l'opportunità di dare un senso ai dati che circondano il futuro in gran parte incerto del nostro pianeta.

"Coloro che sono colpiti in modo sproporzionato dal cambiamento climatico meritano di avere accesso alle risorse di cui hanno bisogno per dare un senso ai disastri che stanno distruggendo le loro comunità", afferma. 'Più questi gruppi di persone sono informati sulla crisi climatica, maggiori sono le possibilità che abbiamo di coordinare gli sforzi collettivi per la protezione della Terra. L'inglese non può essere la barriera all'ingresso.'

Quindi, come ha fatto Sophia a superare un ostacolo del genere, che si traduce in una quantità preoccupante di disinformazione e scarso interesse pubblico nell'affrontare questo problema?

La risposta è Cardinali del clima, un sito web con un database integrato di documenti e accordi orientati all'ambiente, tutti visualizzabili in 100 lingue e oltre.

Ad oggi, l'organizzazione ha facilitato la traduzione di oltre 6,000 pagine da varie fonti, comprese pubblicazioni locali e importanti, organi di governo ufficiali e studi a guida scientifica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Climate Cardinals 🕊 (@climatecardinals)

Lo ha fatto con l'aiuto di circa 9,000 volontari bilingue (la maggior parte dei quali studenti che rientrano esattamente nella fascia della Gen Z), provenienti da oltre 40 paesi.

Inoltre, Climate Cardinals ha collaborato con l'UNICEF e Translators Without Borders per diffondere il loro materiale multilingue.

Come sottolinea Sophia, il reclutamento di traduttori da un'ampia gamma di località è sempre stato della massima importanza per lei.

Questo perché "l'intero scopo" del suo lavoro è garantire che "sfonda le camere d'eco" e "si espande al di fuori della tipica fascia demografica di lingua inglese bianca che tende a guidare il movimento per il clima".

Sfortunatamente, questo si sta rivelando sempre più difficile nell'era delle notizie di 24 ore che tendono a concentrarsi sostanzialmente su storie che possono innescare un senso di sventura.

È più probabile che le persone si spengano quando si confrontano con pagine e pagine di statistiche che inducono ansia e, in risposta, i Climate Cardinals danno deliberatamente la priorità ai contenuti in forma abbreviata.

Il suo obiettivo è fornire ai lettori i riepiloghi più succinti, tempestivi, attuali e supportati dalla ricerca disponibili in modo da evitare di scoraggiarli con informazioni complesse che sono destinate a farli chiudere un occhio.

 

Cosa possono fare gli individui con la conoscenza che gli viene data?

A cosa serve convincere le persone della reale e pressante minaccia rappresentata dal cambiamento climatico, tuttavia, se non sono in grado di applicare la conoscenza che i Climate Cardinals stanno offrendo?

Questo ci porta al secondo aspetto dell'approccio di Sophia all'attivismo: amplificare le voci di coloro che sono stati colpiti in modo sproporzionato fornendo uno spazio per presentare soluzioni che andranno a beneficio loro e, in definitiva, di tutti noi.

"Ho sempre sostenuto la necessità di fornire spazi al tavolo decisionale per le persone che sono maggiormente colpite", afferma.

"Soprattutto i giovani, che credo sinceramente siano in una buona posizione per influenzare il cambiamento grazie alla vasta gamma di strumenti a nostra disposizione".

Riferendosi qui ai social media, Sophia considera piattaforme online come Instagram e TikTok i "grandi equalizzatori" della nostra generazione.

Apre la porta a un'ampiezza illimitata di conoscenza e ci consente di comunicare ciò che stiamo imparando con gli altri in modo rapido e semplice.

Non tutti hanno le strutture per difendere la disobbedienza civile non violenta, partecipare a eventi come la COP26 o persino per votare, ma le piattaforme digitali forniscono un'arena virtuale in cui per tutti i nostri marchi storici può condividere idee.

"Chi ha la fortuna di avere accesso a Internet dovrebbe essere costretto a diventare un individuo più consapevole, a educare se stesso e, successivamente, i propri coetanei", afferma.

'Sfrutta ciò su cui devi lavorare nelle cause a cui tieni. Identifica le ingiustizie. Se sei in grado di cambiarlo a livello micro, dovresti essere in grado di cambiarlo a livello macro. Ognuno ha qualcosa da offrire. Usa le tue passioni a tuo – ea vantaggio della Terra.'

Su questa nota, Sophia si sforza di utilizzare le sue piattaforme personali per bilanciare la scala. Educare le masse spingendo per un'azione tangibile da un livello dall'alto verso il basso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sophia Kianni (@sophiakianni)

Mettendo in pratica quest'ultimo, la sua posizione di consigliere del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è il suo modo per garantire che i giovani siano direttamente coinvolti nel progresso.

"Se i nostri leader mondiali stanno lavorando per progettare il futuro che erediteremo, non ha senso parlare di noi senza avere strutture istituzionali formalizzate che ci permettano di essere inclusi in quelle conversazioni", esorta.

"In realtà penso che sia a vantaggio di quei decisori includere la Gen Z, quindi c'è un dialogo trasparente orientato alla soluzione. È importante sincronizzare queste visioni in modo che non ci lamentiamo instancabilmente di certe narrazioni e stiamo effettivamente ottenendo i risultati che chiediamo ancora e ancora.'

Il frequente licenziamento di giovani e gruppi minoritari dalla conversazione ufficiale comporta il rischio di un esaurimento e di un compenso eccessivo. Fino a quando la Generazione Z non verrà presa sul serio, può essere molto facile per i giovani personaggi pubblici allungarsi.

Sophia combatte questo stabilendo dei limiti, dice.

'Le persone si sentono molto autorizzate al tuo tempo quando sei un attivista non pagato che fa un lavoro a cui tieni sinceramente. Quando sei in quella posizione è così importante dire "ehi, questo è qualcosa a cui tengo davvero, ma devo anche essere consapevole della mia salute mentale o mi esaurirò".'

Lo stesso, spiega, vale per la nostra assunzione di informazioni.

Come giustamente sottolinea, sovraccaricare il nostro cervello di segnalazioni su una situazione che già sappiamo sta peggiorando di giorno in giorno, così come esercitare un'enorme pressione su noi stessi per incanalare una specifica forma di attivismo non è costruttivo, motivo per cui è essenziale filtrare attentamente ciò che consumiamo.

Lasciandoci con un ultimo saggio consiglio su come affrontare questo, Sophia consiglia di continuare a educare noi stessi al nostro ritmo, ma comunque educando noi stessi.

"Abbiamo bisogno di molti più attivisti imperfetti che attivisti perfetti", conclude. "In un modo o nell'altro, sensibilizzare l'opinione pubblica sarà sempre meglio di niente."

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità