Cerca
Menu Menu

Esclusivo: la giornata della biodiversità della COP27 con Kasha Slavner

Abbiamo parlato con la pluripremiata regista e attivista Kasha Slavner di cosa significa rispettare e proteggere il nostro pianeta in occasione della Giornata della biodiversità della COP.

Il tema di ieri alla COP27 è stato il Biodiversity Day. I leader si sono riuniti per discutere soluzioni basate sulla natura e sugli ecosistemi per la mitigazione e l'adattamento al clima. Hanno anche creato strategie per mobilitare l'azione globale per arrestare la perdita di biodiversità riducendo i fattori chiave del cambiamento climatico.

Ci siamo seduti con Kasha Slavner, pluripremiata regista e regista della Gen Z, nonché attivista per il clima e la pace presente alla COP.

Kasha ha fatto colpo per la prima volta nel settore con il suo film sul cambiamento sociale, Il narratore dell'alba. È stato presentato in anteprima alla Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne nel 2017. Ora sta creando un nuovo documentario, 1.5 gradi di pace, che evidenzia come le questioni sociali e politiche siano indissolubilmente legate alla crisi climatica.

La sua iniziativa di cambiamento sociale Il progetto globale Sunrise riunisce storie di innovazione e perseveranza da tutto il mondo, offrendo ai giovani informazioni su come incitare un cambiamento sociale positivo.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)

tre: Il nostro editore ha avuto la possibilità di parlarti l'anno scorso del processo di realizzazione del tuo documentario, Il narratore dell'alba. Sono curioso di sapere come sono cambiate le cose dal punto di vista della tua carriera nell'ultimo anno da allora (cioè cosa hai visto e imparato) mentre continui a evidenziare il legame tra clima e questioni sociali attraverso il cinema.

Kasha: L'anno scorso stavo partecipando alla COP26 mentre lavoravo al mio film documentario 1.5 gradi di pace. È stato il mio primo servizio fotografico di produzione sul campo. A quel tempo, era davvero difficile trovare i collegamenti tra la crisi climatica e il conflitto nella Zona Blu [della COP]. Quest'anno stiamo assistendo a molti cambiamenti in termini di riconoscimento del legame inestricabile tra i due, e questo è positivo.

Continuo a seguire le storie dei giovani che stanno unendo insieme questi due movimenti tra pace e giustizia climatica. E nel 2023, stiamo ancora cercando di continuare la produzione del film. Quindi non è cambiato molto in termini di carriera, ma molto è cambiato in termini di conversazioni che si stanno svolgendo su questi temi – e questa è una buona notizia.

Thred: Potresti condividere con noi qualcosa o alcune cose a cui hai assistito durante il processo di realizzazione del film che hanno avuto un impatto maggiore su di te?

Kasha: Assolutamente. Quello che sento è più cruciale nel raccontare storie sul clima e fare film, è evidenziare la bellezza e la diversità dei nostri ecosistemi naturali in un modo che crea un senso di soggezione e meraviglia per la natura.

Dobbiamo avere questo istinto per proteggere il nostro ambiente naturale perché siamo parte del nostro ambiente naturale. Non esistiamo al di sopra della natura.

Siamo una parte dell'ecosistema e stiamo sconvolgendo il nostro intero ecosistema con le nostre azioni. Quindi dobbiamo davvero essere consapevoli del modo in cui interagiamo con la natura, e penso che ciò dipenda dalla narrazione. Così come il modo in cui pensiamo a noi stessi in relazione alla natura e il modo in cui vediamo il nostro ambiente naturale.

Quindi questa è una cosa su cui mi sono decisamente concentrato quando si tratta di biodiversità. Una cosa che ha avuto anche un profondo impatto su di me nell'apprendere di questi problemi e delle interconnessioni tra questi problemi è stato il potere delle persone di mobilitarsi, per proteggere i diritti della natura.

Ci sono campagne come Fermare l'ecocidio internazionale, che stanno cercando di far riconoscere alla Corte penale internazionale di giustizia che la distruzione del nostro ambiente naturale dovrebbe essere un crimine internazionale. Non dovremmo avere il diritto di prendere dalla natura all'infinito ed estrarre dalla natura come se non avesse conseguenze. Durante il processo di realizzazione del film ed essendo qui alla COP, ho imparato che abbiamo il dovere di proteggere e preservare il nostro ambiente naturale.

Se abbiamo un tale potere di creare cambiamenti negativi, abbiamo anche un tale potere di creare cambiamenti positivi.

Cambiare il mondo - Kasha Sequoia Slavner - The Sunrise Storyteller - 365Give

Thred: Oggi alla COP, i leader stanno discutendo su come sfruttare il potere degli ecosistemi naturali per mitigare il cambiamento climatico. Ci sono casi in cui hai visto comunità locali lavorare con la natura invece che contro di essa per risolvere le sfide legate al clima?

Kasha: Penso che gran parte della conversazione sul cambiamento climatico, la mitigazione e l'adattamento spesso tornino alla tecnologia. Ma spesso non è proprio questa la risposta che ci farà uscire da questo sistema che abbiamo creato.

Dobbiamo cercare soluzioni alla crisi climatica basate sulla natura, e ciò comporta l'ascolto e il centramento delle voci indigene e della leadership indigena.

Le popolazioni indigene sono responsabili della conservazione di circa l'80% della biodiversità globale del mondo. Sono esperti nel vivere in armonia con la natura e soluzioni guida che sono basate sulla natura in tutti i sensi della parola. Spesso progetti di estrazione di petrolio e progetti di estrazione di risorse avvengono nei loro ambienti naturali, interrompendo la biodiversità, interrompendo gli ecosistemi e interrompendo i loro modi di vivere. Penso che la leadership indigena debba essere assolutamente al centro di tutto. È qualcosa su cui ho imparato molto nell'ultimo anno.

Thred: Hai visto voci indigene rappresentate alla COP27 più dell'anno scorso? Come lo paragoneresti?

Kasha: C'è sicuramente uno sforzo maggiore da parte della società civile per centrare le voci delle popolazioni indigene. Molti degli spazi negoziali, a cui la società civile o gli osservatori non hanno realmente accesso, sono dominati da uomini tipicamente di un certo status o background economico.Quindi c'è una mancanza di diversità in termini di negoziati. Ma la presenza della società civile qui sta davvero cercando di metterla in primo piano. Vogliono assicurarsi che non perdiamo la voce degli indigeni in questa conversazione e continuiamo a incorporarli nei processi decisionali. Le persone lo stanno decisamente sostenendo.

Thred: Nel tuo nuovo trailer del documentario, ti concentri molto sull'ansia ecologica, e so che i giovani che si preoccupano dello stato del pianeta si sentono esattamente allo stesso modo. Hai qualche consiglio per gestire questi sentimenti?

Kasha: Penso che quando si tratta di gestire i tuoi pensieri e sentimenti riguardo a questa intensa crisi, le persone dovrebbero onorare i loro sentimenti invece di cercare di respingerli. È naturale sentirsi sopraffatti o frustrati o spaventati per il futuro o per il presente. Poiché le persone stanno già vivendo la crisi climatica, non è solo una realtà futura.

A volte la conversazione sull'eco-ansia è incentrata sulle conseguenze in una realtà futura quando si tratta di un'esperienza vissuta nel presente.

Una cosa che ci tiene con i piedi per terra - o mi tiene con i piedi per terra - è una connessione con la comunità, una connessione con persone che si preoccupano degli stessi tuoi problemi e che stanno cercando di cambiarli. Cercare quella comunità e quel supporto da parte dei tuoi colleghi può essere estremamente prezioso e utile. Aiuta a gestire e parlare di quelle emozioni che possono essere davvero angoscianti. Quindi trovare supporto, amicizie e connessioni. Ti dà anche la motivazione per andare avanti, credo.

Incontra Kasha Sequoia Slavner, #Leader4Tomorrow | Gioventù 4 Disarmo

Thred: Posso immaginare che raccontare queste storie e mostrare questioni sociali e ambientali sia un'esperienza estremamente catartica, perché fai davvero parte del cambiamento. Chissà se è diventato uno sfogo per te?

Kasha: Assolutamente sì. È così vero. Penso che durante l'ultimo anno, anche se non è cambiato molto dal punto di vista della carriera, molto è cambiato in termini di trovare un senso di comunità con persone che sento davvero capire cosa mi appassiona. Ci sosteniamo a vicenda, qualunque cosa accada, e siamo sempre lì per chiamarci l'un l'altro se necessario. Ci incoraggiamo a vicenda. Penso che sia super edificante. Sicuramente mi aiuta a far fronte a sentimenti di ansia o sopraffazione.

Thred: Mentre ci avviciniamo agli ultimi giorni del vertice, quanto sei fiducioso che vengano concordate politiche per limitare gli effetti del riscaldamento globale in futuro?

Kasha: Non per prenderlo un po' deprimente, ma non sono sicuro al cento per cento del risultato.

I paesi del Nord del mondo non si stanno impegnando a fermare l'espansione dei combustibili fossili per l'estrazione di petrolio e gas, che è una delle cose fondamentali di cui abbiamo bisogno per impedirci di superare il nostro limite di 1.5 gradi. Tuttavia, il linguaggio della conferenza si concentra sull'obiettivo di 1.5 gradi, quando in realtà è un limite che non dovremmo superare. Dobbiamo restare sotto quel bersaglio. Ecco perché esiste l'accordo di Parigi, perché abbiamo quel limite che ci impedirà di vedere disastri climatici e impatti molto più grandi che colpiscono le persone su vasta scala.

Dobbiamo cambiare il modo in cui consideriamo un aumento della temperatura globale di 1.5 gradi Celsius come obiettivo perché questo rischio toglie parte della responsabilità.

Se diciamo "bersaglio", è come "oh, ci abbiamo provato, ma ci siamo sbagliati". Sai, puoi sempre essere un po' fuori dall'obiettivo, ma dobbiamo davvero pensarci in termini di questa è la soglia e non possiamo superarla.

Vorrei anche vedere un maggiore impegno per il finanziamento di perdite e danni. Credo che Tuvalu, una delle nazioni delle isole del Pacifico, si sia impegnata a rispettare il trattato di non proliferazione dei combustibili fossili.

È qualcosa che mi piacerebbe vedere ottenere più slancio all'interno dei governi che sono qui. C'è qualche progresso, ma anche molta strada da fare.

Thred: Per concludere in bellezza: cosa possiamo aspettarci di vedere da te in futuro? Ci sono argomenti specifici su cui speri di approfondire attraverso il tuo lavoro, che magari non hai ancora avuto modo di affrontare?

Kasha: Vorrei poter dire che avevo di più per le persone da aspettare oltre a questo film, ma il processo di realizzazione del film è così intenso ea lungo termine che stiamo ancora guardando al suo completamento entro il prossimo anno.

Spero che possiamo celebrare il lancio e che le persone possano vedere le storie di giovani che stanno collegando i movimenti e che stanno osservando e vivendo con le intersezioni tra pace e giustizia climatica. Questa è l'unica cosa che non vedo l'ora di condividere con tutti.

In termini di futuro, penso che userò sempre lo storytelling come strumento per elevare le storie dei giovani o delle persone che sono a livello di base nel fare cambiamenti trasformativi. Quindi quello è il mio obiettivo. Voglio davvero mostrare le storie in un modo che motivi le persone ad agire.

In concomitanza con l'uscita del film, svilupperemo inviti politici all'azione, inviti sociali all'azione e guide alle risorse per i giovani in cui essere effettivamente coinvolti una volta che il film sarà uscito. Si spera che questo aiuterà gli spettatori a scoprire come possono agire personalmente, per iniziare a creare quelle connessioni per se stessi e trovare quella comunità in questo movimento unificato per la pace e la giustizia climatica.

 

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità