Cerca
Menu Menu

Esclusivo – Giornata della Gioventù della COP27 con Shelot Masithi e Peter Havers

Garantire che la voce dei giovani e delle generazioni future sia ascoltata forte e chiara è uno degli obiettivi chiave del vertice di quest'anno. Ma è questo il caso? Abbiamo parlato con il fondatore di She4Earth Shelot Masithi e con lo scrittore di clima Peter Havers per scoprirlo.

Come probabilmente saprai, quest'anno la COP27 si terrà in Africa. Quello che forse non sapevi, tuttavia, è che il 70% della popolazione africana ha meno di 30 anni e il continente ospita diverse comunità vulnerabili che vivono in prima linea nella crisi climatica.

Questo, ovviamente, rende particolarmente significativa l'importanza dell'ascolto delle voci dei giovani in questa edizione del vertice delle Nazioni Unite. Soprattutto perché coloro che ereditano il pericolo delineato dall'ultimo rapporto dell'IPCC sono i giovani, i bambini e quelli che devono ancora nascere.

Come affermato sul sito web della COP, garantire che i giovani e le generazioni future siano ascoltati forte e chiaro questa volta è un obiettivo chiave. Ecco perché ieri hanno organizzato una giornata a sé stante per garantire che le prospettive dei giovani siano prese in considerazione e riflesse in tutte le aree dell'agenda sul clima. Siamo andati dal vivo con due voci pionieristiche in questa sfera per scoprire se questo si è concretizzato o meno.

Il primo, Shelot Massithi, un attivista, relatore del Dais per Force of Nature e direttore esecutivo fondatore di Lei4Terra, un'organizzazione senza scopo di lucro guidata dai giovani che educa bambini e giovani sui cambiamenti climatici, sulla conservazione della biodiversità e sui sistemi di conoscenza indigeni.

Il secondo, Pietro Havers, uno scrittore che cerca di livellare parte del destino e dell'oscurità che sono spesso sempre presenti nella conversazione sul clima. Lo fa spostando la narrativa sulla crisi per concentrarsi maggiormente sulle azioni positive che gli individui e le aziende stanno intraprendendo per combatterla, nel tentativo di ridurre l'apatia che molte persone provano e, in definitiva, di guidare un'azione più ampia. All'inizio di questo mese, era elencato come uno dei le prime dieci voci verdi con sede nel Regno Unito su LinkedIn, per puntare i riflettori sulle start-up che stanno sviluppando soluzioni innovative.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da thred. (@thredmag)

Thred: È sempre più riconosciuto che le generazioni più giovani hanno un ruolo importante da svolgere nella governance del cambiamento climatico. Tuttavia, mentre i decisori in tutto il mondo stanno aumentando gli sforzi per facilitare la loro partecipazione, prevale il malcontento poiché i giovani si sentono simbolizzati e strumentalizzati. Come possiamo dare loro un posto a tavola senza lavare i giovani? 

Peter: Nel bene e nel male, per essere invitati a tavola, dobbiamo avere il permesso della vecchia generazione. Dobbiamo pensare in termini di 'che cosa probabilmente ci vedranno offrire?' Dobbiamo dimostrare loro oltre ogni ragionevole dubbio che meritiamo di essere lì, che abbiamo idee incredibili e utili che possono portare avanti la conversazione, che non siamo lì solo come giovani.

Thred: Il padiglione per bambini e giovani appena annunciato al Cop27 offre ai giovani una piattaforma dedicata per tenere discussioni e briefing politici. Per quanto eccitante sia, isola ancora i giovani e li esclude dai reali spazi decisionali. Quali sono i tuoi pensieri su questo? Un mezzo progressivo per amplificare le voci dei giovani senza le barriere e gli ostacoli che spesso incontrano in questi eventi ufficiali o semplicemente l'ennesimo esempio di lavaggio giovanile che ci riporta indietro?

Peter: Ho sentimenti molto contrastanti a riguardo. Sono molto grato che ci siano bambini e giovani alla COP in questo momento, penso che stiano facendo un lavoro incredibile e sono entusiasta di vedere cosa ne verrà fuori. Ma a prima vista, il concetto del padiglione non mi soddisfa proprio. Non credo sia giusto.

Mi ricorda di essere relegato al tavolo dei bambini a una riunione di famiglia finché non sei abbastanza grande per essere visto come se avessi raggiunto la soglia per contribuire in modo significativo alla conversazione.

Shelot: È fantastico, ma è la cosa giusta nel posto sbagliato. Dovremmo demolire la gerarchia che vede le generazioni più anziane prendere tutte le decisioni. Non è casa nostra, ci viene data una stanza in casa di qualcun altro e questo è sbagliato. È importante, sì, ma l'implementazione è disattivata. Non vogliamo essere a casa di altre persone perché saremo sempre limitati in questo modo. Quello che vogliamo non ci viene dato e siamo stanchi di chiedere il permesso per avanzare le nostre richieste. Non è che non ci stiano ascoltando, semplicemente non lo sono ascolto a noi. Il padiglione è un inizio, ma non basta.

Thred: Credo che questo sia rappresentativo di una questione più ampia, un microcosmo di ciò che sta accadendo ovunque in questo momento. In apparenza, queste iniziative suonano alla grande, ma creano divisioni. Se i giovani sono ancora esclusi dalle stanze in cui possono avere influenza, come possono garantire che ciò che viene detto si traduca in azioni tangibili e di impatto?

Peter: Dobbiamo assolutamente pensare a come applichiamo il controllo e la responsabilità alle persone ai vertici della catena alimentare. Politici, amministratori delegati e così via. Dobbiamo anche ritenere responsabili quelli nelle nostre reti. I nostri amici, la famiglia, i fornitori. Questo è molto più facile da fare. C'è un enorme potenziale impatto lì perché ogni azienda prende decisioni su base giornaliera. Deve essere fatto in un certo modo. Ora più che mai abbiamo bisogno di coesione piuttosto che di alienazione e frammentazione. Dobbiamo supportare le persone quando prendono decisioni positive per il clima e lodarle pubblicamente prima di scambiare una parola tranquilla con coloro che sono negativi per il clima. È in corso.

Shelot: Da giovani siamo resilienti e sappiamo cosa vogliamo. Sta a noi evitare di perdere la nostra tenacia e continuare a capovolgere i tavoli. Non c'è alcuna garanzia che ci sarà dato quello che vogliamo.

Thred: Attualmente, la struttura della COP è intrinsecamente priva di potere per i giovani, dalle regole su come si possono tenere le azioni (ad esempio le proteste), alle limitazioni all'accesso. Ciò aggrava in modo sproporzionato le sfide che già devono affrontare i gruppi storicamente emarginati, compresi i giovani, le comunità indigene e in prima linea, e la società civile del Sud del mondo. Come si possono correggere questi problemi e finora abbiamo assistito a miglioramenti al vertice di quest'anno?

Shelot: È una questione sistemica e strutturale. Al di là dell'inaccessibilità della COP, i nostri governi nel Sud del mondo non stanno nemmeno facendo abbastanza. Sono sottofinanziati senza un motivo esplicito sul perché. Ci sono molti "perché". Senza risposte, cercheremo sempre di capire cosa ci viene dato da mangiare in superficie e non navighiamo sui "perché". Tornerà e ci morderà. Per quanto riguarda i giovani, si parla del nostro futuro e non ci vogliono qui. Questo è il messaggio che stiamo ricevendo. Non importa quanto ci spingiamo in questi spazi, non siamo desiderati. Questo è mentalmente drenante. Vogliamo essere qui perché sta influenzando us. Stiamo facendo del nostro meglio per spingere per l'inclusione, ma questa inaccessibilità – che riflette problemi sistemici – è un impedimento. Inoltre, credo che la salute mentale dei giovani non riceva l'attenzione che merita in questo periodo di crisi.

Non dovrebbe essere la nostra priorità portare questo peso sulle nostre spalle. Siamo esauriti. E l'inaccessibilità sta solo peggiorando le cose.

Thred: Perché è così essenziale che i giovani siano il cambiamento che vogliono vedere?

Peter: Come giovani, dobbiamo convivere con gli effetti della crisi climatica per un periodo di tempo più lungo. Abbiamo probabilmente la maggior parte da perdere e quindi abbiamo il più forte incentivo ad agire.

Shelot: Siamo in prima linea in ogni sfida in questo momento. Se guardi nelle sale delle trattative, le persone che ci sono hanno più di 50 anni. Nei prossimi due decenni, quelle persone non saranno più qui. Eppure le decisioni che stanno prendendo oggi influiscono bene us negli anni a venire. Se non stiamo facendo il lavoro, chi lo farà? Dobbiamo allontanarci dall'idea che queste persone stiano considerando il nostro futuro. Dobbiamo avere voce in capitolo perché è nostro diritto essere coinvolti.

Thred: sebbene i gruppi minoritari siano già colpiti in modo sproporzionato dalla crisi climatica, si sono comunque presentati con resilienza per risolvere questi problemi per decenni. Come possiamo amplificare le loro voci ed evitare il tokenismo?

Shelot: Guardandoli. Vedere queste persone. Coloro che non sono inclusi quando meritano di esserlo hanno bisogno del nostro supporto. Non è sempre finanziario. Si tratta di connessione. In realtà prendersi il tempo per guardarli e riconoscere che stanno chiedendo aiuto.

Thred: Peter, quale consiglio daresti ai giovani che cercano di fare la differenza nell'innovazione e nell'imprenditorialità in relazione all'azione per il clima, ma che stanno lottando per capire da dove cominciare?

Peter: C'è un'eccessiva glorificazione dei fondatori nella società odierna. Ti fa pensare che se vuoi essere coinvolto, devi essere un fondatore per avere un impatto. Non è per tutti, quel livello di sacrificio e responsabilità. Inoltre non è necessario essere tecnici. Se stai considerando una carriera nel clima, scegli quello che ti canta. Non è necessario che sia un enorme salto di qualità.

Thred: E Shelot, quale consiglio daresti ai giovani che cercano di fare la differenza in questa sfera di attivismo ma che stanno lottando per capire da dove cominciare?

Shelot: La cosa migliore che puoi fare da giovane è essere te stesso. È così che puoi trovare ciò in cui sei bravo, ciò che ti appassiona.

Fai sempre qualcosa che sai di amare. Altrimenti rischi di sentirti frustrato, arrabbiato ed esaurito. Ti ringrazierai più tardi.

Thred: Come possiamo mantenere lo slancio dopo la COP? E come possiamo noi, come individui dediti alla causa, continuare a ritenere responsabili le persone necessarie dopo la COP?

Peter: Persone da un livello dall'alto verso il basso do voglio sentire i giovani. Abbiamo una prospettiva che loro non hanno, quindi dobbiamo essere rumorosi, dobbiamo gridare, non possiamo più tacere.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità