Cerca
Menu Menu

Perché queerbaiting è spesso un termine frainteso?

Da Noah Schnapp a Madonna, le accuse di "queerbaiting" sono state fonte di polemiche e dibattiti sui social media, ma il termine è stato spesso frainteso e abusato.

Proprio la scorsa settimana, la star di Heartstopper Kit Connor ha cancellato Twitter dopo l'accusa di essere stato "queerbaiting" interpretando un personaggio bisessuale nel popolare show di Netflix.

Le immagini di Connor che si tiene per mano con la sua co-protagonista nel film in uscita, A Cuban Girl's Guide to Tea and Tomorrow, Maia Reficco hanno portato gli utenti di Twitter a suggerire che il diciottenne avesse deliberatamente ingannato i suoi fan LGBTQ.

Una tale ondata di critiche sui social media racchiude il pericolo dell'uso improprio di un termine così carico.


Comprendere il termine "queerbaiting"

Il queerbaiting è uno stratagemma di marketing quando un personaggio o una relazione è implicita come queer, ma mai esplicitamente etichettato come tale.

Ciò consente a programmi televisivi e film, e persino alle celebrità stesse, di fare appello a un pubblico omosessuale senza rappresentarlo apertamente, mantenendo così il loro pubblico conservatore.

Il popolare programma della BBC Sherlock era un famoso bersaglio di queste accuse. Nonostante il creatore Mark Gatiss abbia affermato fermamente di aver "detto esplicitamente che ciò non accadrà", i fan hanno indicato i riferimenti insistenti degli spettacoli a una potenziale relazione romantica tra i personaggi principali, Sherlock Holmes e John Watson.

Irene Adler, uno degli apparentemente potenziali interessi amorosi di Holmes, accusa Watson di essere "gelosa" del suo flirt con lui, mentre la ragazza di Watson, Jeanette, lo definisce un "bravo fidanzato" per il detective.

Queste allusioni a una relazione tra i due uomini hanno attirato un grande seguito omosessuale nello show, condividendo teorie su quando "Johnlock" sarebbe stato finalmente confermato nello show.

Nel 2020, TikTok è diventato il luogo di uno scherzo del pesce d'aprile in cui i famosi TikToker sembravano dichiararsi bisessuali ai "Boys & Girls" di will.i.am, prima di ammettere in seguito di essere etero.

Questo "scherzo" di fingere di fare coming out è stato ovviamente accolto con delusione e critiche da parte dei fan che li hanno accusati di fingere la propria sessualità per ottenere visualizzazioni e Mi piace da un pubblico giovane queer.

Vedere qualcuno che ammiri uscire allo scoperto fornisce una zattera di salvataggio estremamente importante per i giovani alle prese con il proprio viaggio; sfruttare questo processo spesso difficile e doloroso riassume il danno che il queerbaiting può causare.


Che cosa è non queerbating?

Il queerbaiting è inequivocabilmente dannoso per la comunità queer; coloro che sfruttano un pubblico con falsa rappresentazione meritano di essere vergognosi. Tuttavia, come molti neologismi di Internet, il termine è diventato una parola d'ordine da lanciare senza comprenderne appieno le implicazioni.

Questo non solo indebolisce l'impatto di accuse autentiche, ma può anche creare una spiacevole aspettativa che gli attori "queerbaiting" debbano al mondo intero una spiegazione per la loro sessualità.

Nel caso di Kit Connor, ad esempio, il termine è stato usato come arma contro un diciottenne, dichiarando di aver ingannato i fan queer. Suggerire che un uomo non può essere queer perché potrebbe avere una relazione con una donna è una palese doppia cancellazione, una questione pertinente all'interno della stessa comunità LGBTQ.

Tuttavia, al di là di questo, accusare Connor di queerbaiting significa fare supposizioni infondate sulla sua sessualità. La cultura delle celebrità spesso ci porta a credere che le star ci debbano gli stessi dettagli intimi che le vediamo ritrarre sullo schermo, nella loro vita reale.

Connor ha solo 18 anni; non deve a nessuno una spiegazione per la sua sessualità. Un utente di Twitter si è affrettato a sottolineare l'ipocrisia di dichiarare che "qualsiasi cosa che non sia urlare la tua sessualità dai tetti equivale a un'esca queer", evitando anche Connor dalla comunità.

Sicuramente anche i programmi TV non hanno bisogno di etichettare le sessualità?

Ebbene sì e no. Personaggi come Todd di BoJack Horseman ed Eve di Killing Eve vivono un viaggio con la loro sessualità, scoprendola negli spettacoli.

Tuttavia, questi personaggi sono anche senza dubbio strani; Todd si rivela asessuato, ma non romantico ed Eve ha una relazione appassionata con l'assassino Villanelle (scusate lo spoiler).

Il queerbaiting diventa un problema quando gli spettacoli indicano ripetutamente che i personaggi potrebbero essere LGBTQ, ma si rifiutano di affrontare la loro sessualità.

Mentre il suo personaggio, Will Byers, è stato ora confermato come un personaggio gay, Noah Schnapp ha acceso le accuse in una recente intervista.

"Sento che non lo affrontano mai o dicono apertamente come sta Will... Penso che sia questo il bello, che dipende solo dall'interpretazione del pubblico".

Millie Bobby Brown ha aggiunto: "Posso solo dire che è il 2022 e non dobbiamo etichettare le cose".

Le persone queer, in particolare le persone trans e non binarie, hanno sempre sfidato le etichette socialmente imposte di genere e sessualità, spesso affrontando il rifiuto e l'esclusione di conseguenza. I pionieri chiave del movimento per i diritti dei gay come Marsha P. Johnson e Slyvia Riveria hanno rifiutato le aspettative degli altri su di loro e si sono rifiutati di conformarsi a semplici etichette.

È il 2022 e le persone queer non hanno bisogno di etichettarsi, né conformarsi alle etichette degli altri. Tuttavia, quando le aziende e i programmi televisivi utilizzano queste idee per commercializzarsi, si appropriano ulteriormente delle identità queer, pur continuando a negare loro la rappresentazione.

Il queerbaiting è la presa in giro deliberata e l'inganno di un pubblico che si è visto ripetutamente cancellato e le loro identità sminuite per battute a buon mercato, per trarre profitto dalla loro gioia.

Sebbene questo fenomeno rimanga un tropo sgradito nei media mainstream, possiamo ancora rivendicare la nostra strana gioia nella vera rappresentazione; artisti come Lil Nas X e spettacoli come Its A Sin e First Kill sono celebrazioni toccanti di una cultura che rifiuta di essere nascosta.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità