Cerca
Menu Menu

Lo studio mostra che la maggior parte dei musicisti non può permettersi l'attrezzatura

Una nuova ricerca dell'ente di beneficenza Help Musicians afferma che oltre il 90% di tutti i musicisti non può più permettersi l'attrezzatura per esibirsi dal vivo.

Essere un musicista è un duro calvario nell'era dello streaming. La maggior parte dei consumatori non acquista CD o vinili, con tour e merchandising che di solito rappresentano le principali fonti di reddito per la maggior parte degli artisti indipendenti.

Ora, una nuova ricerca suggerisce che le cose vanno peggio di quanto si pensasse. Uno studio dell'ente di beneficenza "Help Musicians" ha rilevato che il 91% di tutti i musicisti dichiara di "non potersi permettere l'attrezzatura". La situazione viene descritta come una "crisi del costo del lavoro".

Cosa sta causando l'enorme onere finanziario?

Non sorprende che l'aumento vertiginoso dei costi energetici e del carburante insieme a livelli di inflazione senza precedenti abbiano reso tutto molto più costoso. Aggiungi un sistema di tour ora più complicato e costoso grazie alla Brexit e avrai un gran mal di testa tra le mani.

Il 98% dei musicisti è preoccupato di guadagnare abbastanza nei prossimi sei mesi e la metà è "estremamente" o "molto" preoccupata che la loro situazione finanziaria possa farli uscire completamente dal settore.

Per lo studio sono stati intervistati 500 musicisti. Il 90% ha affermato di essere ansioso di potersi permettere il cibo e l'84% non è sicuro di essere in grado di coprire i costi del mutuo o dell'affitto.

Le tristi statistiche non si fermano qui. Il 60% ha affermato di guadagnare meno di un anno fa e l'80% ha anche aggiunto che ora sta finanziariamente peggio di prima della pandemia.

L'amministratore delegato di Help Musicians, James Ainscough, ha affermato che è "difficile immaginare un momento dalla seconda guerra mondiale in cui è stato più difficile essere un musicista professionista".

L'industria musicale è stata colpita in modo particolarmente duro poiché molti si affidano a locali e spettacoli dal vivo per guadagnarsi da vivere. Gli effetti dei blocchi e di una pandemia si fanno ancora sentire, con un maggior numero di palchi definitivamente chiusi e meno accesso alle risorse tanto necessarie.

Cosa stanno facendo gli Help Musicians per aiutare i bisognosi?

Ha appena annunciato uno schema di misure di sostegno da 8 milioni di sterline, che include l'espansione della gestione del debito e dei servizi di consulenza sulle crisi finanziarie, il supporto per i tour e maggiori investimenti nella sua piattaforma di salute mentale 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, Music Minds Matter.

Va tutto bene, ovviamente, ma cosa puoi fare come consumatore?

Mentre l'azione individuale è limitata, ci sono modi significativi per dare una mano. Supportare i tuoi artisti preferiti acquistando merchandising, album e biglietti per gli spettacoli è un buon inizio se te lo puoi permettere. Raggiungere i social media e spargere la voce sulle band che ti piacciono può anche fare molto.

Sono attualmente in corso contenziosi e ricorsi. A settembre si è tenuta un'audizione alla Camera dei Lord, guidata da esperti del settore e dalla campagna #CarryOnTouring, per mostrare il danno che la Brexit ha arrecato ai tour e alla musica dal vivo.

Cinque organizzazioni che rappresentano anche il settore dell'ospitalità del Regno Unito ha scritto una lettera aperta al governo nel mese di agosto chiedendo un'azione urgente. Dovremo vedere se ci sarà qualche tipo di risposta da Westminster a tempo debito.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità