Menu Menu

I Coldplay hanno tagliato le emissioni di carbonio del 59% durante il tour mondiale

Tre anni fa, la band si è impegnata a organizzare uno dei tour più ecologici della storia. Alla luce degli aggiornamenti secondo cui hanno superato l'obiettivo sul cambiamento climatico di quasi il 10%, vengono elogiati per aver "stabilito un nuovo standard" per approcci eco-consapevoli alla musica dal vivo.

Nel 2019, l’artista di fama mondiale Chris Martin ha promesso di non fare mai più un tour a meno che non fosse fatto in modo sostenibile e con un impatto positivo.

Il frontman dei Coldplay sostiene da tempo maggiori sforzi ambientali nel settore, credendo che tutti abbiamo la responsabilità di dare l'esempio di fronte alla crisi climatica e che l'inazione non è un'opzione se vogliamo preservare il nostro pianeta per le generazioni future.

Due anni dopo, questa posizione – ripresa anche dai suoi compagni di band – è ciò che ha spinto i Coldplay a farlo annunciare un piano in 12 punti per ridurre le emissioni durante i tour e rendere ogni concerto il più pulito ed ecologico possibile.

Ciò includeva l'uso di instillazioni solari, biciclette elettriche e il pavimento di uno stadio cinetico (dove i fan danzanti generano energia) per "caricare le batterie dello spettacolo".

Si sono anche impegnati a piantare un albero per ogni biglietto venduto il che, dati i precedenti successi commerciali dei Coldplay, significherebbe che decine di migliaia di persone sarebbero state introdotte nelle foreste e nelle aree naturali di tutto il mondo.

Inoltre, la strategia prevedeva che i partecipanti avrebbero ricevuto sconti per l’utilizzo di trasporti a basse emissioni di carbonio, che tutta la merce sarebbe stata prodotta in modo sostenibile e proveniente da fonti etiche, che l’acqua potabile gratuita sarebbe stata messa a disposizione di tutti, che le bottiglie di plastica sarebbero state eliminate dai luoghi di ritrovo e che 10 il XNUMX% dei guadagni verrebbe donato a iniziative ecologiche.

All’epoca queste ambiziose promesse furono accolte con cautela quelli preoccupati che la band stava facendo il greenwashing al suo pubblico e usando la consapevolezza del clima per aumentare le vendite e la sua immagine.

Sostenevano che sarebbe stato semplicemente meglio non fare alcun tour, soprattutto se farlo avrebbe significato viaggiare esclusivamente con un jet privato che, grazie a Taylor Swift, sappiamo di essere estremamente popolare tra le élite – ed estremamente ostile all’ambiente.

'C'è sempre la domanda: perché fare un tour? Non abbiamo davvero niente da dire, tranne che ci piacerebbe davvero farlo", ha risposto Martin.

«Potremmo restare a casa e forse sarebbe meglio. Ma vogliamo entrare in contatto con le persone e farlo nel modo più pulito possibile. Non è un esercizio puramente caritatevole. Stiamo cercando di dimostrare che il capitalismo può essere un po’ più compassionevole ed eco-consapevole”.

Rimanendo fedele alla sua parola e lasciando i critici piacevolmente sorpresi, la realtà di oggi è innegabilmente positiva.

Lunedì, i Coldplay hanno fornito un aggiornamento sui loro progressi, dicendo che la prima esecuzione di Musica delle Sfere hanno visto una riduzione del 59% delle emissioni di CO2 rispetto al precedente tour mondiale.

Non solo i metodi di produzione di elettricità in loco hanno avuto un enorme successo, ma hanno anche ridotto i viaggi aerei, il 72% dei rifiuti è stato deviato dalle discariche e inviato per il riutilizzo, il riciclaggio e il compostaggio, e sette milioni sono stati piantati degli alberelli.

"Come band e come industria, siamo molto lontani da dove dobbiamo essere", hanno detto i Coldplay in un comunicato.

"Ma siamo grati per l'aiuto di tutti finora e salutiamo tutti coloro che si stanno impegnando per spingere le cose nella giusta direzione."

John E. Fernandez, professore al MIT (che ha verificato le affermazioni dei Coldplay), ha elogiato la band per aver "stabilito un nuovo standard" per l'intera industria musicale.

"Con ogni anno successivo del loro tour, dimostrano una visione in evoluzione e un impegno crescente per spostare l'intera industria musicale verso una sostenibilità vera e umana e una resilienza planetaria", ha affermato. disse.

“Dalla raccolta di quantità di dati senza precedenti all’adozione di azioni specifiche oggi sulla base di analisi rigorose, i Coldplay stanno modellando una traiettoria verso un ambiente a basso contenuto di carbonio e biodiverso. e futuro equo."

Accessibilità