Menu Menu

Diddy affronta una nuova accusa di violenza sessuale da parte del sesto accusatore

Il magnate e personalità della musica Sean "Diddy" Combs ha dovuto affrontare continue accuse di violenza sessuale negli ultimi sei mesi, incluso un recente video CCTV trapelato. Ora si è fatto avanti un sesto accusatore.

TW: Questo articolo include riferimenti e descrizioni di violenza e aggressione sessuale. Si consiglia la discrezione del lettore.

Il rapper e produttore discografico Sean "Diddy" Combs è stato colpito da un'ondata di accuse di violenza sessuale negli ultimi sei mesi.

Tutto è iniziato nel novembre dello scorso anno, quando l’ex fidanzata Casandra Ventura ha affermato che Combs l’ha violentata nel 2018 e l’ha sottoposta a una relazione violenta durata anni. Ciò includeva l'abuso fisico e il "controllo completo" della sua vita personale e professionale.

Alla fine la causa è stata risolta per una cifra non rivelata, anche se l'avvocato di Diddy ha dichiarato che "non si trattava in alcun modo di un'ammissione di illecito". Un video recentemente pubblicato dalla CNN mostrava Combs che picchiava fisicamente Ventura nel 2016 in un hotel, consolidando le sue affermazioni. Si è scusato pubblicamente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da LOVE (@diddy)

Più tardi quello stesso mese, un'altra donna chiamata Joei Dickerson-Neal ha intentato una causa sostenendo che Combs ha drogato, aggredito sessualmente e registrato segretamente le sue azioni nel 1991 mentre era una studentessa universitaria.

Una terza accusa è arrivata a novembre. Una donna anonima ha accusato Combs e il cantautore Aaron Hall di aver violentato lei e un'amica nel 1990 o nel 1991 dopo un incontro a un evento della MCA Records a New York.

A dicembre, un'altra causa per violenza sessuale è stata intentata contro Combs. È stato accusato di aver partecipato allo stupro di gruppo di una donna anonima nel 2003, quando lei aveva 17 anni.

Il produttore Rodney "Lil Rod" James ha citato in giudizio Combs nel febbraio di quest'anno.

Ha affermato che Combs lo ha sottoposto a "avance indesiderate da parte dei soci" ed è stato costretto a intrattenere rapporti con le prostitute che Combs aveva assunto. Jones ha anche detto che Combs ospitava regolarmente "feste di traffico sessuale" con donne minorenni e droghe illegali.

A marzo, le case di Combs a Los Angeles e Miami furono perquisite per ragioni sconosciute da agenti investigativi della Homeland Security. Al momento, Combs non è stato accusato o accusato di crimini dai pubblici ministeri federali.

Ora è stata avanzata un'altra accusa.

Questa volta, la modella Crystal McKinney ha accusato Combs di averla drogata e aggredita sessualmente nel 2003. Dice di essere stata invitata nel suo studio di New York, dove le hanno dato alcol e marijuana finché non è stata ubriaca. Dice di essere stata poi costretta a fare sesso orale.

Nella sua causa, la McKinney afferma che le conseguenze dell'incidente l'hanno portata a essere "messa al bando" nel settore della modellistica, causandola una spirale e alla fine tentando il suicidio.

In una dichiarazione, ha affermato di aver intentato causa per cercare "giustizia per se stessa e per qualsiasi altra vittima di Comb".

Combs e le sue continue accuse ricordano molto quelle di altri settori e individui degli ultimi anni. R Kelly, ad esempio, è stato condannato a trent'anni di carcere dopo un’ondata di accuse di abusi sessuali su minori.

Anche Harvey Weinstein e Jeffery Epstein hanno dovuto affrontare accuse simili a livello di settore per cattiva condotta sessuale, abusi e traffico di esseri umani.

Le diffuse accuse di negligenza maschile in molti settori diversi hanno scatenato un movimento #MeToo mondiale.

Centinaia di migliaia di donne si sono fatte avanti online nel 2017 con le proprie storie di aggressioni, intimidazioni, molestie e molto altro, stimolando il dibattito sui ruoli di genere e sulle tendenze sociali a chiudere un occhio sugli abusi.

Negli anni successivi si è svolto un dialogo più aperto sulla violenza e la manipolazione sessuale, sebbene si tratti ancora di un problema significativo e urgente.

Le accuse di Combs mostrano che continuiamo a mettere a tacere e minimizzare le esperienze molto reali e vissute finché non è troppo tardi. È necessario fare di più per garantire la sicurezza degli artisti, dei partner e di chiunque sia influenzato da una gerarchia di potere trasversale in qualsiasi industria.

Accessibilità