Cerca
Menu Menu

La potenziale caduta di Roe v Wade ha spiegato

Un documento trapelato dalla Corte Suprema mostra che una maggioranza di destra è pronta a ribaltare la storica sentenza che ha reso l'accesso agli aborti sicuri e legali un diritto costituzionale negli Stati Uniti.

Lunedì, Politico ha pubblicato un documento della Corte Suprema trapelato che mostra che la maggioranza della corte di destra è pronta a ribaltare la storica decisione Roe v Wade del 1973, annullando così il diritto costituzionale all'aborto a livello federale.

Essendo circolato originariamente a febbraio, il opinione è stato scritto per Dobbs contro Jackson Woman's Health Organization dalla giustizia arciconservatrice Samuel Alito, che a un certo punto dichiara che 'Capriolo era terribilmente sbagliato fin dall'inizio.'

Per questo motivo, sembra essere una prova quasi concreta che quando la corte emetterà la sua sentenza ufficiale (prevista nel prossimo mese), abolirà i diritti alla salute riproduttiva negli Stati Uniti e cambierà drasticamente il tessuto stesso della società del paese in un incomprensibile grado di conseguenza.

Quindi, da dove è iniziato tutto, cosa sta effettivamente succedendo e qual è la potenziale ricaduta di un tale verdetto? Il quadro è complicato, ma ecco una ripartizione di ciò che sappiamo.

Leggi la prima bozza di parere sull'aborto del giudice Alito che rovescerebbe Roe v. Wade - POLITICO

Innanzitutto, un contesto di sfondo

Nel 1969, Norma McCorvey, 25 anni, sfidò le leggi sull'aborto criminale in Texas con lo pseudonimo di "Jane Roe".

Lo ha fatto perché lo stato vietava l'aborto in quanto incostituzionale, tranne nei casi in cui la vita della madre fosse in pericolo.

A difendere la legge anti-aborto c'era Henry Wade, il procuratore distrettuale della contea di Dallas (da cui Roe v Wade). Nel 1973, il suo appello arrivò alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove il suo caso fu ascoltato.

Ha sostenuto che le leggi sull'aborto in Texas andavano contro la Costituzione degli Stati Uniti perché violavano il diritto alla privacy di una donna.

Con un voto di sette contro due, i giudici della corte hanno stabilito che i governi non avevano il potere di vietare l'aborto e hanno ritenuto che il diritto di una donna di interrompere la gravidanza fosse protetto dalla Costituzione degli Stati Uniti.

Ciò ha messo in moto il "sistema del trimestre", dando alle donne americane il diritto assoluto all'aborto nei primi tre mesi di gravidanza, consentendo alcune normative governative nel secondo trimestre e dichiarando che gli stati possono limitare o vietare l'aborto nell'ultimo trimestre in quanto il feto si avvicina al punto in cui potrebbe vivere al di fuori dell'utero.

Ha inoltre stabilito che nell'ultimo trimestre una donna può abortire nonostante l'eventuale divieto legale solo se i medici ne certificano la necessità per salvarle la vita.

Eppure, nei 49 anni trascorsi da Roe v Wade, gli attivisti contro l'aborto hanno riguadagnato terreno perduto. Nel 1980, la Corte Suprema ha confermato una legge che vietava l'uso dei fondi federali per l'aborto tranne quando necessario per salvare la vita di una donna.

Un decennio dopo, ha approvato ulteriori restrizioni, incluso il permesso agli stati di vietare gli aborti nelle cliniche statali o da parte di dipendenti statali.

Non solo questo, ma ha stabilito che gli stati possono limitare gli aborti anche nel primo trimestre per motivi non medici.

I manifestanti si riuniscono davanti alla Corte Suprema a Washington martedì 3 maggio 2022, dopo che una bozza di parere della Corte Suprema pubblicata da Politico lunedì ha suggerito che la corte sta prendendo in considerazione una decisione che annullerebbe la storica decisione Roe v. Wade del 1973 che stabiliva un diritto costituzionale all'aborto. La straordinaria fuga di una bozza di parere, che USA TODAY non ha potuto verificare in modo indipendente, ha scatenato un'inaspettata tempesta di fuoco attorno a una delle questioni più divisive della guerra culturale della nazione e contemporaneamente ha sollevato interrogativi sulle deliberazioni della corte e sulla sua capacità di mantenere segrete quelle discussioni.

Di conseguenza, molte donne oggi devono viaggiare più lontano per la procedura e pagare di più, con le donne più povere a sostenere il peso maggiore.

In questa nota, non si tratta solo di Capriolo.

L'aborto è tra una serie di diritti fondamentali che SCOTUS ha riconosciuto, che include contraccezione nel 1965matrimonio interrazziale nel 1967 e matrimonio tra persone dello stesso sesso nel 2015.

Sebbene questi diritti non siano esplicitamente menzionati nella Costituzione, sono legati all'autonomia, alla dignità, all'uguaglianza e, soprattutto, alla privacy personale, osserva JD Candidate, Levi Eckman.

Inserisci il 14th Emendamento.

Più comunemente nota come clausola di "parità di protezione", è stata ratificata nel 1868 e ha ampliato le tutele dei diritti dei cittadini a livello statale e federale. Ha anche esteso i diritti civili e legali per i cittadini neri precedentemente ridotti in schiavitù che erano soggetti a leggi statali discriminatorie.

Il 14° emendamento è stato invocato nelle principali sentenze della Corte Suprema che coinvolgono i diritti civili, come il 1954 Brown contro Board of Education sentenza che ha ritenuto che la segregazione razziale delle scuole pubbliche violasse la clausola di parità di protezione.

Stabilisce inoltre il diritto a un giusto processo a livello statale, spesso utilizzato dalla Corte Suprema eliminare la legislazione statale che limita le libertà e gli interessi personali non esplicitamente menzionati nella Costituzione, come il diritto alla privacy.

 Capriolo la sentenza si basava su questa clausola quando concludeva che vietare l'aborto violava il diritto alla privacy ai sensi della Costituzione limitando la capacità di una persona di scegliere di abortire.

Le summenzionate decisioni legali in materia di aborto, contraccezione, matrimonio interrazziale e matrimonio tra persone dello stesso sesso rientrano tutte nella clausola del giusto processo del 14° emendamento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Novara Media (@novaramedia)

Tutto ciò che devi sapere su ciò che sta accadendo in questo momento

Secondo il progetto di parere maggioritario scritto da Alito e ottenuto da Politico, la Corte Suprema ha provvisoriamente votato per il ribaltamento di Roe v Wade, ripudiando incondizionatamente la sentenza del 1973 che sanciva il diritto costituzionale all'aborto, e una successiva decisione del 1992 – Planned Parenthood v Casey – che in gran parte ha sostenuto quel diritto.

È la prima volta nella storia moderna che il pubblico vede un progetto di decisione della Corte Suprema mentre un caso era ancora pendente.

Se questo dovesse andare avanti, porterebbe alla fine di quasi 50 anni di protezione costituzionale federale dei diritti di aborto e i legislatori statali avrebbero il potere di limitare o vietare completamente l'aborto se lo desiderassero.

Scatenando il caos nel paese, 26 stati sono certi o probabili vietare l'aborto se e quando Capriolo è ribaltato (secondo l'art Istituto Guttmacher) e in alcuni degli stati oscillanti più cruciali, è stato possibile utilizzare immediatamente "leggi trigger" che risalgono a prima della guerra civile.

Qual è il futuro per i diritti all'aborto e Roe v. Wade? - POLITICO

'Lo teniamo Capriolo e Casey deve essere annullato. È tempo di dare ascolto alla Costituzione e restituire la questione dell'aborto ai rappresentanti eletti del popolo', si legge nel documento trapelato.

Suggerisce anche quello Capriolo"l'indagine della storia variava dal costituzionalmente irrilevante al palesemente scorretto", sostiene che il suo ragionamento era "eccezionalmente debole" e afferma che la decisione ha avuto "conseguenze dannose".

E, aggiungendo la beffa al danno, Alito sembra anche prevenire il contraccolpo affermando "non possiamo permettere che le nostre decisioni siano influenzate da influenze estranee come la preoccupazione per la reazione del pubblico al nostro lavoro, non pretendiamo di sapere come il nostro il sistema politico o la società risponderanno all'odierna decisione di annullamento Capriolo e Casey, e anche se potessimo prevedere cosa accadrà, non avremmo l'autorità per lasciare che tale conoscenza influenzi la nostra decisione.'

Non sorprende che Alito avesse ragione.

Scuotendo gli Stati Uniti fino in fondo, l'argomento perennemente divisivo ha preso il centro della scena sui social media e nel discorso pubblico questa settimana, con risposte al progetto di sentenza che vanno dallo shock e dall'orrore alla furia e agli inviti all'azione, sia in termini di pressioni sui legislatori che di codificare in legge l'accesso alla salute riproduttiva e prepararsi a unCapriolo futuro.

"Questa è una notizia agghiacciante che arriva dagli Stati Uniti, è l'ultimo inquietante attacco ai diritti riproduttivi in ​​mezzo a una reazione globale contro l'uguaglianza delle donne", afferma Mandu Reid, leader del Women's Equality Party (WEP) del Regno Unito. 'Stiamo parlando di una manciata di persone, per lo più uomini conservatori, che prendono decisioni che cambiano la vita sull'autonomia corporea delle donne senza il loro consenso. La normalizzazione della violenza patriarcale in un paese che domina il mondo come gli Stati Uniti avrà un impatto sui diritti riproduttivi delle persone ovunque.'

Tuttavia, resta da vedere se l'imminente sentenza finale rifletterà pienamente il sentimento di salute anti-riproduttiva e di autonomia anti-corporea della bozza trapelata.

Indipendentemente da ciò, sono iniziate a volare le accuse secondo cui la versione pubblicata da Politico doveva essere utilizzata come leva per ammorbidire l'imminente decisione ufficiale.

Dopo Roe: non si tratta solo di aborti

Prima di andare oltre, è importante capire la differenza tra diritti riproduttivi e riproduttivi Giustizia.

Spesso, le persone pensano che i termini siano sinonimi l'uno dell'altro, ma i due sono distintamente e filosoficamente diversi.

Il primo è incentrato sul diritto legale di accedere ai servizi di assistenza sanitaria riproduttiva come l'aborto e il controllo delle nascite.

A cosa serve un diritto, però, se non puoi accedere ai servizi che gli vengono forniti?

Ecco perché riproduttivo Giustizia è fondamentale, poiché collega i diritti riproduttivi con le disuguaglianze sociali, politiche ed economiche che influiscono sulla capacità di una donna di ricevere il sostegno di cui ha bisogno.

I componenti principali di questo includono la parità di accesso all'aborto sicuro, contraccettivi a prezzi accessibili e un'educazione sessuale completa, nonché la libertà dalla violenza sessuale.

La violazione della libertà personale da parte della gravidanza forzata è ovvia, ma non è inverosimile affermare che anche i diritti umani della comunità LGBTQ+ ei diritti riproduttivi sono irrevocabilmente connessi.

Quale messaggio invia la più alta corte del paese quando altri diritti personali cadono al di fuori di un quadro che è “profondamente radicato” nella storia americana?

Il ribaltamento delle uova fornirà una tabella di marcia per i futuri tentativi di eliminare altre libertà garantite e renderà improbabile che il tribunale riconosca le tutele del giusto processo in nuove aree come i diritti delle persone transgender.

La bozza trapelata lo confuta, ma attivisti non sono convinto.

Lacrime e tensione mentre i manifestanti sciamano fuori dalla corte suprema degli Stati Uniti | Uova contro Wade | Il guardiano

Minare una decisione legale fondamentale basata sul 14° emendamento mina tutto, inclusa l'eredità dei tribunali, creando un impatto catastrofico che negherà la dignità e i diritti delle persone in tutta la nazione.

Le persone di colore, i poveri e altre persone emarginate probabilmente subiranno il peso maggiore dell'evento Capriolo è capovolto.

Già, le donne nere lo sono più probabilità di morire da cause legate alla gravidanza, ed è più probabile che lo siano criminalizzato e imprigionato per i loro esiti di gravidanza.

Restrizioni all'aborto già gravare in modo sproporzionato sulle donne nere – Le donne di colore hanno costantemente avuto i tassi di aborto più alti, seguite dalle donne latine. Di metà degli stati americani hanno già leggi restrittive sull'aborto che dovrebbero entrare in vigore Capriolo essere ribaltato.

Coloro che hanno già sproporzionatamente difficoltà ad accedere all'assistenza sanitaria saranno i più colpiti. Le persone possono viaggiare per centinaia di miglia verso stati in cui gli aborti sono ancora legali. I giovani e le persone a basso reddito, che sono sproporzionatamente di colore, potrebbero non essere in grado di permettersi il costo del viaggio o delle procedure sicure. Se costrette a portare a termine una gravidanza indesiderata, molte potrebbero non avere nemmeno accesso all'assistenza all'infanzia, risultando devastante impatti mentali e finanziari.

Eckman osserva che la nuova generazione di avvocati tende ad essere più radicale e progressista e probabilmente troverà difficoltà a vedere la legittimità di un tribunale che annullerebbe una decisione cinquantennale in cui la maggior parte degli americani concorda con l'opinione iniziale, con la maggior parte degli americani votazione a favore delle tutele abortive che sono state concesse successivamente a partire da Roe.

Sa anche che anche il Paese è in pericolo, non solo per la decisione, ma anche per il danno che ne deriverà quando sicuramente scoppieranno le proteste.

Tradizionalmente negli Stati Uniti, le comunità nere e le comunità di colore hanno subito un grave danno per mano della polizia durante i periodi di cambiamento dei diritti civili.

Probabilmente ci sarà un danno sproporzionato che deve ancora essere sperimentato.

La lotta per il diritto all'aborto è una lunga lotta storica contro un insieme di valori che limita i diritti non solo delle donne, ma anche delle persone LGBTQ+ e delle persone di colore.

L'aborto è assistenza sanitaria. Assicuriamoci che sia sicuro. - Facoltà di Sanità Sessuale e Riproduttiva

Il futuro è sicuramente nelle mani dei giovani: poche ore dopo la fuga di notizie, i manifestanti hanno iniziato a radunarsi davanti alla Corte Suprema, compreso Jack Lilley, uno studente dell'Università americana.

"Sono le 12:30 del mattino e, sfortunatamente, dobbiamo essere alla Corte Suprema perché il nostro governo non sostiene e non incoraggia le donne e dobbiamo usare il tempo che dovremmo dedicare allo studio per essere qui".

Un'organizzazione della Gen Z lo è già arruolando persone inondare i siti web anti-aborto in seguito alla fuga di notizie. Da allora, Gen-Z per il cambiamentoI tre video di TikTok sulla bozza di parere hanno raccolto complessivamente oltre 2 milioni di visualizzazioni.

Attualmente, una rete molto attiva di fondi per l'aborto sta aiutando a raccogliere fondi per le donne a basso reddito per pagare la cura dell'aborto, i viaggi, l'assistenza all'infanzia, l'alloggio, il cibo e la possibilità di prendersi una pausa dal lavoro.

Gli avvocati per i giovani hanno anche istituito a Collettivo di sostegno all'aborto giovanile che si impegna ad aiutare i giovani a ottenere le risorse e il sostegno di cui hanno bisogno.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità