Cerca
Menu Menu

Limitare l'impronta di carbonio delle nostre abitudini online quotidiane

Che si tratti di lavoro o di svago, evitare Internet è impossibile. L'invio di e-mail, lo streaming di video e la navigazione sul Web generano un'impronta di carbonio maggiore di quanto si possa pensare.

Che male c'è nel giocare? Club Penguin per un'ora, trasmettere in streaming un podcast di Joe Rogan di 2 ore o inviare alla gente un'affascinante cartolina elettronica?

È decisamente peggio di quanto pensi. Forse è perché Internet gioca un ruolo così importante sia nelle nostre routine di lavoro che nei tempi di inattività, ma raramente si ascoltano conversazioni sull'impronta di carbonio considerevole che le nostre abitudini online hanno quando vengono sommate.

Anche i più "svegliati" tra noi non perdono molto sonno per i pochi grammi di carbonio che le nostre ricerche su Google rappresentano o per l'energia necessaria per alimentare i nostri dispositivi. Sono essenziali, dopotutto.

È quando lo consideri 53.6% della popolazione mondiale è ora online – si tratta di circa 4.1 miliardi di persone – che inizi a capire come ciascuna delle nostre piccole indiscrezioni possa portare a un problema più ampio.

Rapporti recenti affermano che l'impronta di carbonio dei nostri gadget, Internet e i sistemi che li supportano probabilmente rappresentano likely 3.7% di tutte le emissioni globali. Quasi identico a quello emesso dal settore aereo, gli esperti hanno stimato il nostro pedaggio Internet di 1.7 miliardi di tonnellate raddoppierà entro il 2025.

Com'è possibile allora mentre leader come Joe Biden stanno spingendo le energie rinnovabili e i data center centralizzati? Come la maggior parte delle questioni ambientali, dipende dalle disparità tecnologiche e infrastrutturali tra le nazioni ricche e quelle in via di sviluppo.

Negli Stati Uniti, i data center di Internet ora costituiscono solo 2% di consumo di energia elettrica. La mancanza di investimenti nelle regioni in via di sviluppo ha portato a una continua dipendenza dai combustibili fossili per alimentare i loro servizi. Molti di questi fornitori si rivolgono invece alla compensazione del carbonio per ridurre il proprio impatto, controverso poiché l'argomento rimane negli ambienti sostenibili.

Le tre più grandi aziende cloud, Google, Microsoft e Amazon, hanno impegnato per decarbonizzare completamente i loro dati nei prossimi anni, anche se nessuno ha ancora abbandonato del tutto l'uso dei combustibili fossili.

Mentre questa transizione è in corso, vale la pena sapere quali abitudini online richiedono più energia e capire quali comportamenti sono i più grandi trasgressori.


Quali comportamenti online portano alla maggior quantità di carbonio?

Non sorprende che la visione di video rappresenti la fetta più grande del traffico Internet mondiale a 300 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno. Indovina dove ho scoperto questo bel fatto? Youtube.

Il colosso del video costituisce circa un terzo di questa somma, eguagliato dal abbonamenti su richiesta ci abbuffiamo tutti come Amazon Prime, Netflix e Disney Plus.

Al vertice delle statistiche sul traffico in streaming c'è pornografia, che genera sorprendentemente tanta anidride carbonica quanto l'intero Belgio in un anno. Colpiscilo in testa gente... per il bene del pianeta.

In confronto, (ma ancora problematico) è il download e lo streaming di musica. Ad oggi, solo negli Stati Uniti circa 350,000 tonnellate di anidride carbonica sono stati accumulati dalle nostre abitudini di ascolto quotidiane.

Per il contesto, la canzone di successo del 2017 "Despacito" - con i suoi 5 miliardi di ascolti - ha consumato 250,000 tonnellate di anidride carbonica. È più elettricità di quella utilizzata da Ciad, Guinea-Bissau, Somalia, Sierra Leone e Repubblica Centrafricana messi insieme quell'anno.

Questo è un prezzo pesante da pagare, anche per un ritornello che rimbomba così tanto.

Probabilmente hai riconosciuto uno schema qui, e si applica anche ai giochi. Qualsiasi download multimediale in grandi quantità o dimensioni elevate richiede molta energia per essere completato e con i giochi di ultima generazione che richiedono regolarmente aggiornamenti superiori a 50 GB, l'industria ha registrato un enorme Megatoni 24 di anidride carbonica.


Cosa posso fare per ridurre la mia impronta di carbonio?

Se stai iniziando a provare un senso di colpa per le tue innumerevoli playlist di Spotify o per una PS5 del Black Friday, ci sono una serie di cose che puoi fare per limitare il tuo consumo di energia.

Oltre all'ovvia soluzione di scaricare di meno ogni giorno, puoi disabilitare diversi processi e funzionalità in background sui tuoi siti di social media e telefoni in questo momento. In termini di impatto, tuttavia, vale la pena ricordare che le nostre impronte annuali su app come Facebook tipicamente equivale a far bollire un bollitore solo una volta.

"Abbiamo scoperto che gli aggiornamenti delle app ei backup automatici su cloud rappresentano circa il 10% del traffico proveniente dai telefoni cellulari", afferma Mike Hazas, esperto di digitalizzazione dell'Università di Uppsala. "Quindi, disattivare i backup su cloud non necessari e disattivare i download automatici per gli aggiornamenti delle app sono buone cose da fare."

Se tutti noi dovessimo ridimensionare le nostre incessanti abitudini di ascolto e visione, potremmo creare un'ammaccatura nelle nostre emissioni di energia, ma orchestrare un movimento su quella scala è quasi impossibile.

Vale la pena apportare modifiche personali, ma ci porteranno solo fino a un certo punto. Guardando il quadro generale, la nostra stessa energia (gioco di parole scarso) sarebbe nella posizione migliore per garantire che questi fornitori di servizi Internet mantengano le promesse di eliminare definitivamente i combustibili fossili.

"È molto importante assicurarsi che le aziende che costruiscono Internet passino alle energie rinnovabili e abbandonino gradualmente i combustibili fossili", afferma Elizabeth Jardim di Greenpeace.

"Ecco quando la ricerca sarà più libera da sensi di colpa."

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità