Cerca
Menu Menu

La tecnologia cloud può aiutare il settore bancario a passare allo zero netto?

I dati di IDC mostrano che la transizione dai sistemi legacy all'interno del settore bancario potrebbe evitare 1 miliardo di tonnellate di anidride carbonica nei prossimi anni. Un consenso crescente da parte degli esperti è che il futuro verde del settore risieda nel cloud computing.

Le nostre preoccupazioni finanziarie e la paura esistenziale per il clima sono intrinsecamente collegate, a quanto pare. Oh bene.

Potrebbe non essere qualcosa che consideriamo spesso, ma l'energia necessaria per facilitare i bonifici bancari e la gestione del denaro è estremamente significativa. Esatto, non lo è ad appena il finanziamento dei combustibili fossili di cui dobbiamo preoccuparci.

La maggior parte delle banche gestisce i propri data center, il che significa molte decine di migliaia di computer, dispositivi di archiviazione, sistemi di raffreddamento e server. In media, ogni grande istituzione richiederà più di 100 megawatt per funzionare a capacità normale, il che è sufficiente per alimentare contemporaneamente circa 80,000 famiglie statunitensi.

Anche se questa cifra è preoccupante, l'industria fin-tech riconosce ampiamente che nei prossimi anni dovrà andare a zero con le sue pratiche se vogliamo raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, escludendo la criptovaluta, che è un ad alto consumo di energia bestia tutta sua.

Alla COP27 di novembre, questo messaggio è stato portato da grandi attori del Regno Unito, tra cui Santander e HSBC, i cui dirigenti hanno discusso della naturale progressione del settore bancario in rotta verso lo zero netto. Armato dei dati della società di informazioni di mercato IDC, hanno affermato che il cloud computing è la soluzione più promettente.

Microsoft era presente al vertice e ha parlato della fattibilità della chiusura dell'hardware fisico e della migrazione di tutti i processi nel cloud per tutti gli acquirenti. Ha stimato che così facendo si ridurrebbero le attuali emissioni di carbonio dei data center 98%.

Tale standard è già stato stabilito da banco di equalizzazione in Canada, e una banca italiana ha chiamato Flusso. Entrambi hanno optato per la tecnologia cloud rispetto all'hardware e vantano emissioni di carbonio inferiori del 95-98% rispetto alla maggior parte delle istituzioni che devono ancora fare il salto.

Sebbene esista una chiara strada per raggiungere lo zero netto in offerta, la trasparenza rimane anche una questione chiave all'interno del settore. Solo una manciata di aziende riporta pubblicamente l'impronta di carbonio dei propri processi e l'ONU sta finalmente iniziando a chiedere prove del progresso ecologico.

Le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e dell'UE hanno da tempo proposto la divulgazione obbligatoria da parte delle società quotate, comprese le loro emissioni Scope 3, ovvero quelle indirettamente influenzate da una banca, e si dice che diverse grandi società siano incluse.

Per quanto vaghi siano attualmente i dettagli, si dice che la coorte sia abbastanza considerevole da prevedere entro il 2024 una riduzione minima di 629 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Oltre al semplice sistema bancario, i data center in generale sono destinati ad adottare pratiche di sostenibilità più intelligenti che consentiranno di risparmiare più di un miliardo di tonnellate di emissioni.

È promettente vedere Big Tech essere coinvolta negli sforzi di decarbonizzazione, ma la neutralità del carbonio entro il 2030 sembra ancora molto impegnativa.

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità