Menu Menu

I casi di toelettatura nel Regno Unito raggiungono livelli record a causa del ritardo della legge sulla sicurezza online

Tra lo scontro tra i ministri del Regno Unito e le aziende tecnologiche sulla crittografia end-to-end, i casi di adescamento dei bambini hanno raggiunto livelli record nel 2023.

L'impasse in corso sulla crittografia end-to-end sta avendo gravi conseguenze nel Regno Unito.

Per placare gli utenti delle app, un numero crescente di aziende tecnologiche offre servizi di messaggistica crittografati, il che significa che solo il mittente e il destinatario possono visualizzare qualsiasi scambio di contenuti. Nemmeno le stesse aziende tecnologiche possono raccogliere record.

Mentre in senso generale, la stragrande maggioranza di noi gode dell'idea di privacy sopra ogni altra cosa, c'è un grave elemento di rischio che non può essere ignorato.

Beneficenza per bambini il NSPCC ha rivelato che sono stati registrati 34,000 crimini legati all'adescamento online da quando nel 2017 sono arrivate per la prima volta le richieste di migliori leggi sulla sicurezza online.

Citando i dati di 42 forze di polizia britanniche, l'organizzazione afferma che solo nel 6,350 sono stati registrati 2022 reati di questo tipo che coinvolgono una vittima minorenne, il che rappresenta un massimo storico.

Una nuova ricerca mostra che durante il periodo di sei anni, un quarto delle circa 21,000 vittime conosciute erano bambini in età scolare (sotto i 12 anni) e che il 73% era preso di mira su piattaforme Snapchat o Meta.

Sebbene esista un consenso tra le società tecnologiche e i legislatori sul fatto che qualcosa debba cambiare, un apparente compromesso in termini di privacy e sicurezza ha ostacolato qualsiasi progresso significativo.

L'ultima bozza della legge sulla sicurezza online richiede una backdoor nei servizi di social media a cui possono accedere esclusivamente le autorità, se necessario.

Le aziende tecnologiche, nel frattempo, temono che l'allentamento di qualsiasi protezione possa fornire una finestra di opportunità per hacker e data scraper per devastare le nostre informazioni sensibili.

Le piattaforme di social media, in generale, vedono l'alternativa di sviluppare le proprie precauzioni di sicurezza come preferibile, utilizzando gli aggiornamenti per rafforzare la presa sulla diffusione del materiale pedopornografico (CSAM), impedendo al tempo stesso ai bambini di incontrare altre forme di danno o età- contenuto riservato.

"Abbiamo sviluppato oltre 30 funzionalità per supportare gli adolescenti e le loro famiglie, inclusi strumenti di supervisione dei genitori che consentono ai genitori di essere più coinvolti nel modo in cui i loro ragazzi usano Instagram", ha spiegato un portavoce di Instagram.

Nonostante gli sforzi individuali delle aziende, tuttavia, i dati mostrano che l'epidemia dell'adescamento dei bambini online sta peggiorando, esacerbata dalla cortina fumogena fornita inavvertitamente dai social media.

L'amministratore delegato dell'NSPCC, Sir Peter Wanless, ha affermato: "La ricerca odierna evidenzia l'enorme portata degli abusi sui minori che si verificano sui social media e il costo umano di prodotti fondamentalmente non sicuri".

"Il numero di reati deve servire a ricordare perché la legge sulla sicurezza online è così importante e perché le protezioni rivoluzionarie che offrirà ai bambini sono disperatamente necessarie".

Lo scontro di teste tra giganti della Silicon Valley e regolatori governativi continua a persistere, ma un presunto Ofcom l'intervento potrebbe vedere imposti cambiamenti a livello di settore nei prossimi mesi.

Sarà interessante vedere se è possibile trovare il giusto equilibrio per soddisfare entrambe le entità. Una cosa è certa, tuttavia, è equivocabilmente necessario un approccio con tutte le mani sul ponte.

Accessibilità