Cerca
Menu Menu

La missione di difesa planetaria della NASA è stata un successo

Testando la capacità dell'umanità di prevenire il tipo di disastro che ha spazzato via i dinosauri, la NASA ha intenzionalmente fatto schiantare la sua sonda DART contro un asteroide.

La minaccia di un asteroide devastante può sembrare fantasiosa, ma comprensibilmente gli scienziati vogliono prepararsi per una situazione da dinosauro.

È per questo motivo che, lo scorso novembre, la NASA ha lanciato DART (abbreviazione di Double Asteroid Redirection Test), un veicolo spaziale delle dimensioni di un distributore automatico con un obiettivo: Dimorphos.

Dopo quasi un anno, la missione da 325 milioni di dollari è stata un successo.

Questa mattina, la sonda si è scontrata frontalmente a 15,000 miglia all'ora con l'oggetto cosmico largo 160 m, che ha orbita attorno al sole a circa 6.8 milioni di miglia di distanza per eoni senza minacciare la Terra, rendendolo il candidato ideale per salvare il mondo.

Eppure, nonostante l'impatto, DART (che pesa solo 570 kg rispetto ai 5 miliardi di kg dell'asteroide) non ha mandato in frantumi Dimorphos.

La navicella spaziale DART della NASA sta per sbattere contro un asteroide | Astronomy.com

Questo perché la NASA è stata cauta nei confronti del potenziale danno che i detriti volanti dall'autodistruzione pianificata potrebbero causare al nostro pianeta.

Invece, ha rallentato Dimorphos. Nel tempo, questo dovrebbe avere un effetto misurabile sulla sua orbita.

L'evento storico segna il primo tentativo dell'umanità di spostare un altro corpo celeste e suggerisce che potremmo essere in grado di evitare di sperimentare la trama di Non guardare in alto di prima mano.

"È una nuova era dell'umanità in cui abbiamo potenzialmente la capacità di proteggerci da qualcosa come un pericoloso impatto di un asteroide", ha dichiarato Lori Glaze, direttrice della divisione di scienze planetarie della NASA.

"Questo è quando scienza, ingegneria e un grande scopo, la difesa planetaria, si uniscono e, sai, crea un momento magico come questo."

Prima di andare avanti, tuttavia, è importante capire che non sapremo con certezza se la navicella spaziale abbia raggiunto il suo obiettivo finale di alterare la traiettoria di Dimorphos almeno fino alla fine di ottobre.

A parte questo, il risultato finora è stato pubblicizzato come "ideale" per questa fase di un test per determinare se lo schianto intenzionale di un veicolo spaziale contro un asteroide sia efficace o meno.

È stato particolarmente apprezzato dagli esperti di difesa planetaria che vorrebbero allontanare un minaccioso asteroide o una cometa, dato un tempo sufficiente, piuttosto che farlo esplodere e creare più pezzi che potrebbero piovere su di noi.

'Era fondamentalmente un bersaglio. Penso che, per quanto ne sappiamo, il primo test di difesa planetaria sia stato un successo e possiamo applaudire", ha affermato Elena Adams, vicedirettore del programma DART.

"I terrestri dovrebbero dormire meglio e lo farò sicuramente."

 

Terza Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per il pianeta positivo

Accessibilità